19.4 C
Comune di Caselle Torinese
sabato, Luglio 13, 2024

    Carlottina Rocco, voce femminile della nostra poesia

    Nìvole

    Centodieci anni fa nasceva a Torino Carlottina Rocco (25/2/1908-15/10/1992), una delle prime voci femminili della poesia in piemontese; è stata tra i primi aderenti a La Companìa dij Brandé.
    Ha iniziato a scrivere in piemontese con Pinin Pacòt, che nel 1933 ha pubblicato il suo primo libro “An sla broa dël senté”.
    Nella prefazione al libro, Nino Costa definisce la voce di Carlottina Rocco “non forte, e non ampia, sottile forse, ma limpida e squillante come un trillo”. E ancora: “I temi delle sue liriche sono scarsi, e limitati i voli della sua fantasia. Ali di farfalla iridescenti però e screziate e cosparse di polvere d’oro.”
    Nel 1974 viene pubblicato il secondo libro di Carlottina Rocco, “Seugn sensa pianà”.
    Camillo Brero, nella presentazione dice: “Le sue poesie hanno mantenuto il candore e la musicalità della gioventù, malgrado abbia conosciuto il dolore della vita. Tuttavia, il dolore non è altro che un’altra sfumatura del tempo che viene e va, proprio come le stagioni e Carlottina Rocco riesce a scrivere poesie armoniose, serene, semplici, che fanno bene allo spirito”.

     

    Lë specc

    Son vistme un di ant na specera granda
    che a lusìa profonda ant un canton,
    e l’ùltim sol tant che a-j passava aranda
    a-j viscava an sël fond un cit frisson.

    E mi ant lë specc i era mach n’ombra van-a,
    tant che dantorn as dëstissava ‘l di,
    e mi ant lë specc i smijava tant lontan-a,
    come se i fussa pì nen stàita mi.

    Më smijava ‘d vëdde, im na ricòrdo ancora,
    cola ch’am parla e che i conòsso nen:
    cola che sempre am dis ora për ora
    tute le còse che i ricòrdo nen.

    Da la fnestra duverta a intrava sombra1 ,
    l’aria dla sèira già pien-a ‘d frisson.
    E al fond dlë specc a-i era mach pì n’ombra,
    l’ombra ch’am dis sotvos tante canson.

    *  *  *

    Primavera

    Veuj cheuje bochèt ëd viölette,
    veuj sente toe ciòche baudëtte,

    veuj bèive toa acqua corìa,
    scoté rondolin ch’as dësvija.

    Veuj cheuje le giòje davzin-e
    a tute le fior sensa spin-e.

    E anche mè cheur l’avrà j’ale
    parèj ëd le bianche farfale.

    E ‘n seugn, mach un seugn j’é ch’a ciama
    – bochèt ch’a fioriss su na rama –

    e ‘l vent ch’a sà d’erbe e ‘d rosà
    compagna mè seugn për soa stra.

    Arch-an-cel2 së slarga sutil
    sle colin-e fiorìe d’avril.

    *  *  *

    1 Sombra: scura
    2 Arch-an-cel: arcobaleno

    *  *  *

    La procission

    Et ecce infantia mea olim
    mortua est et ego vivo.
    S. Ag. Conf. I C. VI, 2.

    As sent ël baudëtté che a va ant le ancreuse1
    valade bleuve dël gran cel seren,
    da lontan a-i ven già ‘l përfum dle reuse,
    e ant l’aria còtia2 as sent l’istà ch’a ven.

    Basta che i sara j’euj për un moment,
    che torno a vëdla coma al temp passà…
    a ven coma ‘s na nìvola d’argent
    la procission con ij ciairin viscà.

    Ma andova a l’é cola mia bianca vesta,
    la longa vesta con ël gran volan?
    Ma andova a l’é col mè cit cheur an festa,
    e ij liri candi che portavo an man?

    E j’ale ‘d carta così bianche e bele,
    che a tërmolavo come ij nòstri cheur
    e noi da man così coma sorele
    për cola stra che a smijava mach boneur?

    E la speransa l’era ‘n ciàir viscà:
    a l’é për cola stra che i son ëvnùa,
    con ël përfum dle reuse spatarà…
    Ma as peul pì nen trové na stra përdùa…

    La procission vers lontananse smòrte
    a va coma s’na nìvola d’argent.
    Cala la sèira sle speranse mòrte
    cala la sèira sensa ‘n fil ëd vent.

    *  *  *

    Paròle Stèile

    Quand che la sèira a cala
    e as saro le parpèile,
    legere parej ëd n’ala
    ven-o paròle-stèile.

    Paròle-stèile a ven-o,
    lontan dai di masnà,
    e pian, pianin am men-o
    ant un giardin ancërmà3 .

    Ven-o paròle-stèile.
    – L’é già ora ‘d dì ‘l Bin –
    as pòso sle parpèile,
    së smòrto a la matin.

    *  *  *

    1 Ancreuse: profonde
    2 Còtia: morbida
    3 Ancërmà: stregato

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Michele Ponte
    Michele Ponte
    Nato a Torino. Lingua madre: Italiano; lingua padre: Piemontese. Mi interesso di letteratura e canzoni popolari del Piemonte. Ho realizzato alcuni Scartari (quaderni) intitolati: Spassgiade tra poesìe, canson e conte piemontèise (Passeggiate tra poesie, canzoni e racconti piemontesi) che sono stati presentati in varie occasioni con esecuzione dal vivo delle canzoni.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    18.4 ° C
    19.8 °
    16.8 °
    88 %
    4.1kmh
    75 %
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    30 °
    Mer
    30 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi