La vecchia e “gloriosa” stazione ferroviaria della Torino-Ceres è sempre lì, sempre più cadente, con una finestra mezza aperta, una porta inchiodata con delle assi, i suoi graffiti, l’erba alta, la recinzione di sicurezza arancione che sta crollando…

A che punto siamo con il passaggio al Comune? In un articolo del dicembre scorso, il sindaco Luca Baracco aveva affermato che la struttura sarebbe dovuta entrare nella disponibilità del Comune per, presumibilmente, la tarda primavera o l’inizio dell’estate.

Abbiamo chiesto informazioni aggiornate all’assessore ai Lavori Pubblici Giovanni Isabella, che sta seguendo la pratica: “Sono stato personalmente contattato da un funzionario della Regione alla fine di aprile. Siamo in attesa di una convocazione per il mese di maggio per l’ultimo passaggio burocratico. Dopodiché, dovremo fare un passaggio in Consiglio Comunale per approvare lo schema di convenzione tra Comune, Regione e GTT che sancirà il passaggio al Comune medesimo dell’edificio in comodato d’uso. Dovrebbe essere prevista dal contratto una durata di 25 anni rinnovabili per altri 25, con il diritto d’opzione in caso di vendita dell’immobile”.

Una volta entrati in possesso della vecchia stazione che cosa succederà? “Il primo passo in assoluto sarà un sopralluogo di verifica per la messa in sicurezza dell’edificio. Successivamente, pensavamo di lanciare un concorso di idee tra i casellesi per far sì che ci propongano idee e progetti su come riportare a nuova vita questo pezzo di storia della città. Ovvio che come Amministrazione abbiamo già qualche idea, ma ci sembra giusto coinvolgere più cittadini possibile”.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.