Fermiamo il Central Park

31

Che bella idea quella dell’Amministrazione Comunale! Destinare un’area di ben 130.000 mq vicino al Prato della Fiera per un grande parco.

Innanzitutto perché due parchi vicini quando altre zone di Caselle più densamente popolate ne avrebbero necessità? E poi consideriamo l’inadeguatezza della zona: si trova sotto il cono di atterraggio degli aerei e i gas di scarico si diffondono nell’aria e si depositano sul suolo, diventa una camera a gas; il rumore degli aerei che passano bassissimi ne rendono traumatizzante la permanenza; il divieto di piantumazione di alberi ad alto fusto renderà questo grande parco un insieme di cespugli; il divieto di consumazione di cibo, perché attirerebbe uccelli che disturberebbero il volo degli aerei, costringerà gli utenti al digiuno; senza contare che proprio in quella zona il 1° gennaio 1974 è caduto un aereo che ha causato la morte di 38 persone … Una zona peggiore a Caselle non si sarebbe potuta trovare!!

Ma tant’è, ora è deciso e si farà (il nostro tentativo di fermarlo ha poche possibilità di riuscita) … se poi a causa di tutti questi inconvenienti sarà scarsamente utilizzato, saranno altri soldi dei cittadini buttati al vento. Molto meglio sarebbe stato fare un bel parco, anche meno grande, nella zona di Caselle Ovest, dove da quindici anni a questa parte si continuano a costruire case su case senza offrire alcun servizio; da noi è stata fatta regolare richiesta di avere cartelloni per informare i cittadini sugli avvisi del Comune, sulle manifestazioni programmate, sugli annunci funebri … ma in due anni l’Amministrazione Comunale non ha trovato il tempo per metterli.

Che alla base della scelta di quella zona per il Central Park ci siano gli interessi dei proprietari dei terreni che li vedono trasformati da terreni agricoli in aree edificabili in altre zone di Caselle? Più che un dubbio ci sembra una certezza!

Riguardo alla nuova speculazione edilizia sul nostro territorio, sia noi sia il consigliere Fontana, nel suo articolo su Cose Nostre di ottobre, notiamo che sui social sono apparsi moltissimi commenti negativi, tantissimi cittadini si lamentano per come è gestita Caselle dalla cementificazione, all’incuria del verde, alla manutenzione delle strade, al mancato coinvolgimento dei cittadini nelle scelte importanti … ma poi votano sempre le stesse persone. Come si spiega questo fatto?

Noi di Ricominciamo per Caselle abbiamo voluto dire NO a questo andazzo, ma purtroppo a Caselle vige un potere, anche non troppo occulto, dal quale, chi non si adegua, riceve ritorsioni, diffamazioni e soprusi. Alcuni della nostra lista, per non aver accettato di essere servi di questo potere, sono stati accusati ingiustamente ed espulsi dal partito, diffamati con articoli e fotografie sui giornali, ma siamo orgogliosi di aver saputo dire no a chi a Caselle ha creato un clima di intimidazione e di sopruso come affermano i giudici nella sentenza che ha condannato per concussione il maggior responsabile di questo potere.

Ricominciamo per Caselle

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.