“Noi siamo di più” così recita il volantino pubblicitario-informativo che celebra il trentesimo anniversario degli studi su cibo e cancro, che l’A.I.R.C. Associazione Italiana Ricerca Cancro, ha pubblicato e distribuito sulle piazze sabato 25 gennaio.
Anche Caselle, sempre attenta a queste lodevoli iniziative, era presente con i propri volontari sulla Piazza Boschiassi, coadiuvati dal Nucleo Protezione Civile della Croce Verde Torino.
Giornata all’insegna del fresco pungente mattutino, più temperato nelle ore meridiane, ma piena di grandi soddisfazioni: l’obiettivo era ed è mantenere alta l’attenzione su un problema di quotidiana portata, sul quale, grazie all’A.I.R.C. si sono già scalate montagne che sino a pochi anni fa sembravano insormontabili.
Uno dei punti nodali rimane la ricerca continua, che non può che essere sostenuta economicamente dalle tante persone che hanno beneficiato di tanto e da tutta la rimanente popolazione che ne beneficerà proprio grazie ai progressi della ricerca.
Interessante leggere il volumetto che accompagna il sacchetto delle “Arance della Salute” distribuito a coloro che lasciavano una libera offerta.
Articolo precedenteIntervista a Marisa Errico Catone
Articolo successivoDiecimila euro per il campanile di S. Anna
Mauro Giordano
Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.