Rimanete a casa! Non è più un semplice invito!

Intervista all'Assessore Erica Santoro

544

 

Il sindaco di Borgaro Gambino ha appena pubblicato in rete un suo nuovo video nel quale usa parole assai dure, che preannunciano una nuova ordinanza comunale assai restrittiva: chiusura del parco Chico Mendez, chiusura del cimitero, divieto di allontanarsi da casa per un raggio superiore ai 300 metri (anche con la scusa di portare gli amici a quattro zampe a passeggio…) e sullo schermo dello smartphone appare un messaggio dell’Assessore casellese Erica Santoro: “Vi anticipo che anche noi come Amministrazione stiamo valutando una restrizione.
Troppa gente che passeggia, corre….troppa. Capisco lo stress…ma non è il momento! Quando tutto sarà finito faremo una festa e ci andremo correndo! Ma non adesso!!!”

Raggiunta telefonicamente Erica Santoro è un fiume in piena: “Per favore, vi supplico,  aiutateci a dire alla gente che DEVE rimanere a casa. Non è più un semplice invito. Ma possibile che si continuino a vedere capannelli di ragazzi, gente che non si da pena di violare le norme relative a quanto da tempo stiamo chiedendo? Ce lo stanno dicendo i numeri che questa è una guerra e che possiamo vincerla solo se tutti, e dico tutti, rispetteremo le regole impartite.

Capisco che non siano giornate facili, ma non è anteponendo l’interesse privato a quello collettivo che avremo chance di salvarci. Perché di questo si tratta.

Ripeto: non è più un invito “rimanete a casa”. Come Amministrazione stiamo valutando se e come appaiarci a quanto scelto dal sindaco di Borgaro.

Abbiamo mille fronti su cui siamo impegnati giornalmente e non possiamo perdere tempo, tenere impegnati vigili e carabinieri, perché in parecchi non hanno ancora capito che stanno mettendo a repentaglio la loro vita e quella degli altri.

Col mio assessorato stiamo lavorando e tanto sul fronte scolastico, per avviare al più presto modalità diverse che permettano comunque ai ragazzi, anche da casa, di seguire le lezioni curriculari e gli altri miei colleghi si stanno spendendo per far sì che questo periodo passi e nel migliore dei modi. A patto che tutti facciano la loro parte, che in questo momento, significa soprattutto una sola cosa: non muovetevi di casa! Solo così possiamo sperare di farcela”

Coronavirus, due casi a Borgaro

CORONAVIRUS: DUE CASI IN OSPEDALE, DIVERSI IN ISOLAMENTOORDINANZA DEL SINDACO DI CHIUSURA DI PARCHI, AREE VERDI, ORTI URBANIDIVIETO DI UTILIZZO DELLE PANCHINE, I CANI ESPLETANO I BISOGNI ENTRO 200 METRI DA CASA, ATTIVITA’ MOTORIA ENTRO 300 METRI DA CASAIl Sindaco di Borgaro, Claudio Gambino, ha reso noto come in città vi siano i primi due effettivi casi di positività al Coronavirus: si tratta di due uomini, ora ricoverati in ospedale a Cirié.Diverse altre persone, in questo momento, si trovano in isolamento all’interno delle proprie abitazioni.Per questo motivo, con una serie di ordinanze, sono stati chiusi: Orti urbanicimiteroaree verdi e parchiaree canipista che conduce a MappanoChico MendezInoltre:I cani possono essere portati per sgambate ed espletamento dei bisogni entro un raggio di 200 metri dalla propria abitazione. L’attività motoria è limitata a un raggio di 300 metri dalla propria abitazione.Divieto assoluto di sedersi sulle panchine presenti in città.Da oggi, e fino al termine dell’emergenza, gli agenti della polizia locale aumenteranno i controlli nel territorio e, di riflesso, sanzioneranno e denunceranno i trasgressori.

Pubblicato da Città di Borgaro Torinese su Mercoledì 18 marzo 2020

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.