Dallo scorso 23 marzo è aperto ed operativo a Caselle il Centro Operativo Comunale (C.O.C.): è in pratica il braccio operativo del Comune per l’emergenza Covid, previsto dal Piano Operativo di Protezione Civile. La sede del C.O.C. è per l’appunto la stessa della Protezione Civile, in via Audello 31. I suoi riferimenti telefonici sono il 327-3335448 e il 011-9913328.

Abbiamo chiesto al coordinatore C.O.C., il geometra Pierluigi Bartelloni, di raccontarci le principali attività in cui il personale del Centro è impegnato in questo particolare periodo. Bartelloni: “Un primo filone di attività riguarda il servizio di informazione ai cittadini; sono tante le telefonate, i messaggi e-mail o indirizzati alla nostra pagina facebook. A tutti cerchiamo di dare le risposte corrette, cosa non sempre facile dato l’accavallarsi dei vari provvedimenti. Altra attività, l’assistenza ai cittadini in difficoltà. C’è chi ci ha chiesto un aiuto immediato, anche per avere viveri: per le prime esigenze ci siamo organizzati con la Caritas per poter provvedere. Poi abbiamo partecipato al carico, trasporto e distribuzione dei pacchi alimentari organizzati dal Comune. Abbiamo inoltre ritirato dagli istituti scolastici dei computer, recapitati poi ad alunni che ne erano sprovvisti. Per le persone positive o in quarantena a cui serve aiuto per consegna di viveri o di medicine ci attiviamo con la Croce Rossa per far arrivare a domicilio quanto serve.
Nella settimana precedente la Pasqua, siccome ai nostri volontari erano arrivate in dono uova pasquali e colombe, abbiamo deciso di girare questi omaggi a personale ed ospiti delle RSA e ai bimbi delle famiglie più bisognose. Così siamo stati sia al Nuovo Baulino che alla Residenza Aurora di via Cravero. A queste residenze per anziani, e anche a Borgaro e al Cottolengo di Mappano, abbiamo inoltre consegnato graditissime mascherine”. La vicenda di un’altra consegna, riguardante materiale diventato prezioso come l’oro, e cioè dispositivi di protezione individuale per il personale sanitario degli ospedali, è raccontata in un altro articolo su questa pagina (Un ponte da Vercelli a Caselle).


Un ponte da Vercelli a Caselle

Estratta dalla pagina Facebook della Protezione Civile di Caselle, una storia che merita di essere raccontata. Lo facciamo con le parole di una delle due protagoniste, Alessandra Sabrina Belluscio, residente a Caselle: “Io sono infermiera e lavoro all’ospedale di Ciriè, nel reparto di nefrologia. Quando è scoppiato il problema del Covid, presto si è manifestato anche da noi in ospedale il problema, drammatico, della carenza di dispositivi di protezione individuale. Ovviamente doveva essere l’ASLTO4 a procurarceli, ma il mercato era impazzito e questi materiali non arrivavano. Con una mia collega, Lorella Mastrapasqua, ci siamo dette che dovevamo tentare di fare qualcosa. Tramite i social, abbiamo lanciato una sottoscrizione in rete. Un proverbio cinese recita: “Purtroppo sono più numerosi gli uomini che costruiscono muri di quelli che costruiscono ponti” …
In questa fantastica esperienza di solidarietà io e Lorella possiamo invece dire di aver incontrato, anche se virtualmente, persone splendide che ci hanno dato fiducia, che ci hanno sostenute nel raggiungere il nostro obiettivo! Grazie ad ogni singolo donatore, in pochissimo tempo, abbiamo raccolto circa 15.000 euro. La grossa difficoltà è stata a quel punto quella di poter trovare sul mercato materiale certificato, e che non fosse bloccato in dogana. Qui provvidenziale è stato l’aiuto dell’avvocato Carlo Olmo, che è maestro di arti marziali a Vercelli; grazie ai suoi contatti con la Cina, abbiamo potuto reperire del materiale che era già sdoganato.
L’ultimo problema l’abbiamo risolto grazie alla Protezione Civile di Caselle, che ha reso possibile fare da ponte fra Vercelli e noi, che non ci potevamo muovere. Gli scatoloni contenenti mascherine e visiere ci è stato recapitato e così è potuto arrivare nei presidi ospedalieri di Ciriè e Lanzo, nei reparti che finora non avevano beneficiato di alcuna donazione. Un grazie di nuovo a tutti”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.