Il cantiere di corso Grosseto, stoppato il 16 marzo dall’emergenza Covid, è ripartito lunedì 4 maggio. Quasi due mesi di fermo, e ora la ripartenza con l’incognita delle nuove modalità di lavoro imposte dalle misure anti-Covid. Tutto da valutare quindi quello che sarà il ritardo sull’ultimazione dell’opera.  Il prossimo appuntamento importante per questi lavori sarà comunque quello che, ad agosto o al più tardi settembre di quest’anno, vedrà, sotto Largo Grosseto, l’intercettazione della galleria ferroviaria esistente, e quindi lo stop al servizio ferroviario GTT, che sarà dirottato a Venaria su servizi sostitutivi di bus.  Un grosso disguido per gli utenti, ma anche il segnale che si entra nella fase finale di questi lavori, che permetteranno poi di avere finalmente il collegamento ferroviario diretto di Caselle e del suo aeroporto con Porta Susa.

Passiamo ora ad un’altra opera, di interesse questa per gli automobilisti che utilizzano la superstrada Torino-Caselle. A fine aprile è stato approvato, dalla Giunta Comunale di Torino, il progetto esecutivo del primo lotto dei lavori per il completamento del viale della Spina, tra via Breglio e corso Grosseto. L’area di intervento si sviluppa tra la rotatoria Venezia-Breglio-Rossi e corso Grosseto, su una superficie di oltre 52mila mq, prevalentemente al di sopra delle strutture di copertura della ferrovia Torino-Milano. L’importo totale delle opere ammonta a 5milioni e 400mila euro. Il via ai lavori è previsto entro la fine di quest’anno. I lavori, che saranno appaltati direttamente dal Comune di Torino, nella prima macro-fase di cantiere si svolgeranno, in superficie, proprio nell’area del Parco Sempione dove al piano interrato è stata realizzata, dall’altro appalto di competenza regionale, la galleria ferroviaria di corso Grosseto. In questa prima macro-fase di cantiere saranno realizzate le opere stradali di connessione al raccordo autostradale Torino-Caselle, con la temporanea chiusura dell’uscita verso piazza Rebaudengo.  I lavori poi proseguiranno, nella seconda macro fase, nel tratto tra via Breglio e corso Grosseto, per poi concludersi realizzando l’ultimo tratto in direzione di piazza Baldissera.

Prima della conclusione di questi lavori il Comune di Torino dovrà intanto, tramite simulazioni di scenari capaci di riprodurre i futuri volumi di traffico, tentare di trovare soluzioni per le criticità già emerse per il traffico automobilistico nel nodo di piazza Baldissera.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.