La campagna di vaccinazione antinfluenzale in Piemonte partirà lunedì 26 ottobre e potrà continuare anche oltre il mese di dicembre 2020.

Nel darne l’annuncio, con comunicato stampa del primo ottobre, l’Assessorato regionale alla Sanità ha comunicato ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta che da lunedì 5 ottobre potranno effettuare la prenotazione delle prime dosi presso qualsiasi farmacia. Sia per motivi di distribuzione che di contenimento delle quantità inutilizzate e della corretta conservazione, gli ordini saranno commisurati alla seduta vaccinale programmata dal singolo medico.

La Regione, come ricorda l’assessore alla Sanità, ha provveduto, fin dall’aprile scorso, all’ordinazione di 1.100.000 dosi di vaccino, il 54 per cento in più rispetto alle 700.000 utilizzate l’anno scorso, con l’intento di allargare il più possibile la platea degli utilizzatori e facilitare così l’emergere delle diagnosi Covid, che potrebbero essere condizionate dai medesimi sintomi dell’influenza stagionale.

Il vaccino antinfluenzale disponibile per la campagna 2020-2021 è il Vaxigrip Tetra (inattivato tetravalente), disponibile in maggior quantità in formato monodose. La prima fornitura è di 400.000 dosi, alla quale ne seguiranno altre tre nelle settimane del 2, 9 e 16 novembre.

Anche l’ASL TO4, competente per la nostra zona, si sta muovendo per organizzare quanto di sua competenza. Il nuovo Commissario dell’azienda, dottor Luigi Vercellino, insediato da un mese, da parte sua dichiara: “L’Azienda sta mettendo a punto il piano per l’organizzazione ottimale della prossima Campagna antinfluenzale sul proprio territorio. Piano elaborato coinvolgendo sia i Direttori di distretto e tutti gli Operatori aziendali interessati sia i rappresentanti dei Medici di famiglia e dei Pediatri di libera scelta. In particolare, tenendo presente la necessità di garantire il distanziamento sociale, l’Azienda sta valutando con le Amministrazioni comunali la disponibilità di spazi ampi (come, per esempio, i centri polifunzionali) da mettere, eventualmente, a disposizione dei Medici di famiglia e dei Pediatri di libera scelta che, come ogni anno, effettueranno la vaccinazione antinfluenzale ai propri assistiti”. Infine, l’Azienda precisa ai cittadini che la campagna antinfluenzale si articola in un lasso temporale congruo e che, pertanto, non è necessario concentrare l’afflusso nei primi giorni di avvio. In ogni caso, si garantisce priorità alle persone affette da patologie croniche, di qualsiasi età, in quanto soggetti che corrono un maggior rischio di andare incontro a complicanze nel caso contraggano l’influenza.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.