Sta ottenendo un discreto successo di pubblico la mostra fotografica dedicata  a Gaetano Scirea, campione di tutti i tempi dal titolo: “Un uomo, Un capitano, Un campione”.
Come avevamo già riportato precedentemente, l’evento è organizzato e curato dal Lions Club Caselle Torinese Airport, attraverso il suo presidente, dottor Stefano Dinatale. Quest’ultimo si dice mediamente soddisfatto del flusso di visitatori, specie casellesi, a fronte di un evento di tale portata. Buono invece l’afflusso di tifosi bianconeri e non, anche da luoghi e città lontane da noi.
Il visitatore da premiare arrivava addirittura e appositamente da Lecco, ma si registrano visitatori anche da Acqui Terme e dalla vicina Liguria.
Certamente il tempo – purtroppo rinnovato – della massima attenzione al Covid19, non ha aiutato anche i molti che invece avrebbero voluto recarsi qui da noi anche solo partendo da Torino o poco oltre.
Tuttavia la mostra rimarrà aperta fino a domenica 18 Ottobre compreso, tutti i giorni con il seguente orario: dal lunedì al venerdì 14.30-18.30
Il sabato e la domenica: 10-12 e 14.30-18.30 presso il Centro Incontro Caselle di Via Basilio Bona, 20.
Merita dedicare un’ora o anche più per gli appassionati della Juventus e per i nostalgici di quel vecchio calcio, ma anche per tutti coloro che desiderano aprirsi ad un mondo, quello della fotografia, che attraverso le immagini provoca profonde emozioni, proprio come quelle che Salvatore Giglio, il fotografo ufficiale della Juventus ha voluto regalare in esclusiva alla città di Caselle.

 

Mauro Giordano
Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.