Gaetano Scirea

 

Quando sul finire di agosto il Presidente del  Lions Club Caselle Torinese Airport, dottor Stefano Dinatale,  ci aveva comunicato –  un po’ in sordina…- l’approccio al fotografo ufficiale della Juventus, Salvatore Giglio, s’era detto un po’ scettico di riuscire a portare a Caselle un’interessante mostra fotografica interamente dedicata a Gaetano Scirea.

Molti sogni si avverano: eccola la mostra, all’interno del Centro Incontro Caselle di Via Basilio Bona, 20.

Il tavolo degli ospiti con i soci Lions Club

Inaugurata giovedì 1 ottobre, alla presenza della vedova di Scirea, Mariella, e di alcuni campioni iuventini di quegli anni, sarà aperta al pubblico da venerdì 2 ottobre a domenica 18 ottobre.

La presenza di un folto pubblico, rigorosamente distanziato e “mascherato “, rendeva bene l’idea di quanto legame c’era e c’è, con e verso “Un Uomo, un Capitano, un Campione”, come ben titola la rassegna.

Percorrere gli anni di un campione, di questo indimenticabile uomo, ha fatto passare per la schiena di ogni persona che ascoltava i vari discorsi celebrativi, un brivido di gioia e di grande nostalgia.

Bello ricordare il discorso introduttivo del nostro sindaco che ha descritto Gaetano Scirea come un “uomo normale nella sua straordinarietà”, la cui leggerezza ed eleganza dovrebbero servire da esempio e stimolo per i giovani.

Anche Roberto Bettega,

Il Presidente Lions dr. Dinatale consegna a Roberto Bettega Il gagliardetto

ex campione ed amico di Scirea, Marocchino insieme a e a Remino, il massaggiatore  della squadra, ha sottolineato la figura di straordinaria bontà umana oltre che sportiva di “Gai”.

Mariella Scirea ha poi disegnato il marito come uomo semplice e papà affettuoso, purtroppo mancato a soli 36 anni. Questa è l’immagine che la signora Mariella vuole serbare per sé e trasferire ai tifosi ed estimatori di un campione che “ha vinto tutto”.

La fotografia  che introduce la mostra talmente è bella e talmente attrae, facendo trasparire nella luce degli occhi di Scirea veramente il grande uomo che era, proprio come lo ha descritto la moglie. Le altre vi invitiamo a vederle in originale: sapranno stupirvi.

Anche i più accaniti tifosi di altre squadre, sportivamente, sapranno apprezzare le decine di scatti che Salvatore Giglio ha voluto regalare  ai visitatori e alla Città di Caselle, che meglio di ogni dire mostrano come Gaetano Scirea era, è e sempre sarà “Un uomo, Un Capitano, un Campione”.

 

Orario mostra: da lunedì a venerdì 14,30-18,30 sabato e domenica:10-12 14.30-18.30. 20.30-22.30

 

Mauro Giordano

 

Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre ( quando si dice il caso…) del 1952. Ha contribuito a fondare Cose Nostre, firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato anche collaboratore di presdtigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis”, seguendo per più di un decennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”. Attualmente è anche direttore responsabile di “0/15 Tennis Magazine”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.