Ciò che si fa, se viene battezzato con termini in lingua inglese, sembra più “figo”. E così succede ora con il “Relamping”, che poi, banalmente, vuol dire “cambio delle lampade”. Un’operazione che si è sempre fatta, quella di adeguare la tipologia dei corpi illuminanti alla tecnologia ultima disponibile, da quando a fine 800 si è diffusa l’illuminazione pubblica delle strade. Così dalle lampade a gas si è passati a quelle ad incandescenza, poi a quelle a fluorescenza ed alogene, e infine negli anni più recenti sono arrivate le lampade a LED. Tecnologia, quest’ultima, che a fronte di un costo d’acquisto iniziale più elevato, garantisce a parità di luce consumi inferiori fino all’85%, e vita utile di 50.000 ore, rispetto ad un ciclo di vita di 2.000 ore delle lampade alogene o di 1.000 di una lampadina ad incandescenza.

Dati i vantaggi economici dell’illuminazione a LED, il Decreto Crescita approvato dal primo governo Conte nella primavera del 2019, diventato poi la Legge 58/2019, ne incentiva l’utilizzo.  Anche il Comune di Caselle, richiamandosi a tale legge, ha avviato un programma di efficientamento dell’illuminazione pubblica del territorio mediante la sostituzione di apparecchi tradizionali con altri a tecnologia LED, nonché interventi di estensione degli impianti in aree finora non servite.

Il primo lotto di interventi, basato su uno stanziamento iniziale di 100.000 euro, è stato affidato, il 30/10/2019, alla società ENEL SOLE (ora ENEL X), per l’importo di 72.857 euro più IVA. Vediamo, dal resoconto della Direzione Lavori, affidata all’arch. Simona Curtetti di Torino, dove questi soldi sono stati spesi.

Interventi di sostituzione degli esistenti corpi illuminanti a scarica con nuovi a LED, utilizzando i sostegni esistenti, sono stati fatti nell’area mercatale di piazza Falcone, nella piazzetta adibita a parcheggio di via Madonnina e in un tratto di via Pertini.

Più complessa la descrizione degli interventi fatti in via Circonvallazione e nel piazzale della nuova Stazione: qui sono stati rimossi i sostegni ed apparecchi esistenti, che interferivano con le chiome delle alberature, e sostituiti con nuovi sostegni, di altezza e sbraccio idonei ad evitare le interferenze con le chiome degli alberi. Sostituiti inoltre dei tratti di cavo interrato, danneggiati dai roditori, e rifatti i giunti alla base dei sostegni.

Infine, in via Venaria, si è intervenuti nel tratto fra la rotonda con via Nazario Sauro e il sottopasso ferroviario, ove la strada era priva di illuminazione pubblica: tramite allaccio alla dorsale esistente la si è prolungata in parte con un cavo interrato più quattro nuove campate aeree.

Questi gli interventi completati.

Un secondo lotto di interventi è stato approvato dalla Giunta Comunale lo scorso 13 ottobre, con uno stanziamento di 134.000 euro. Qui il professionista incaricato è l’arch. Stefano Reineri, di Dronero (CN).

Vediamo anche qui le zone scelte per gli interventi, e per le quali il professionista ha nelle settimane scorse consegnato al Comune il relativo progetto:

– via Filatoio, a partire dall’incrocio con via della Zecca: nella via, attualmente priva di illuminazione pubblica, verranno installati 8 apparecchi LED, arrivando fino al parcheggio ubicato sul retro della cascina;

– via della Zecca (a partire dall’ingresso al Jet Hotel) e via Filatoio, fino ad arrivare all’incrocio con via Ciriè: su questa dorsale, anche lei finora sprovvista di illuminazione pubblica, sono previsti 11 apparecchi LED;

– piazza Matteotti (vecchia stazione): i pali e corpi illuminanti esistenti verranno sostituiti con pali tipo arredo e lanterne ornamentali con tecnologia LED;

– via Martiri e strada Caldano (primo tratto): verranno sostituiti 10 corpi illuminanti presenti su tesate stradali, con potenziamento, da 1 a 3, dell’illuminazione sulla rotondina all’incrocio con viale Bona;

– via Fiore (lato via Filatoio): l’illuminazione pubblica verrà prolungata, con 6 nuovi corpi illuminanti, nel tratto ora mancante;

– Prato Fiera: nei viali pedonali, ritenuti poco illuminati, verranno installati 6 corpi illuminanti nel tratto che fronteggia via Torino e il Vecchio Baulino, 5 sul lato di via Circonvallazione, 7 sul lato via Prato della Fiera; nei camminamenti interni, verranno sostituiti 6 pali ed installati 9 apparecchi LED.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.