Il 9 novembre del 1975 (45 anni fa) veniva inaugurato, il nuovo altare della Chiesa Parrocchiale di San Martino di Villanova Solaro (CN) di cui era parroco Don Michel Fusé (don Michele Fusero) “ël parco dla Companìa dij Brandé.

(Per altre notizie su Don Fusé vedere Cose Nostre di dicembre 2012 e aprile 2016).

Il nuovo altare fu ricavato da una macina da mulino che era stata recuperata dal Mulin ëd la Tor di Sommariva del Bosco e poi restaurata a Bagnolo, al cui centro fu posta una targa metallica in rame, opera di Michelangelo Ambroggio, con la scritta in lingua piemontese dettata da don Fusé: “Nosgnor a splend crasà1 ant ël pan.

Don Fusé chiese a tutti i suoi parrocchiani e a tutti ij Brandé di mandargli delle testimonianze scritte da porre all’interno dell’altare. Da ogni parte del Piemonte arrivarono poesie, lettere e preghiere.

In questa occasione don Fusé consegnò a tutti i presenti la copia della poesia “Pera d’autar” con un disegno preparati apposta da Rico Gulin.

L’8 dicembre del 2000, festa della Madonna dell’Immacolata Concezione, il vescovo di Saluzzo monsignor Diego Bona, consacrò l’altare di pietra.

 

Rico Gulin (Enrico Gullino), (Saluzzo 1935 – Cuneo 15 02 2018).

Ingegnere, poeta piemontese, prosatore e letterato esemplare che seppe utilizzare sia gli idiomi classici (greci e latini) che quelli regionali (piemontese e provenzale).

Tradusse in piemontese Catullo (24 carmi dedicati a Lesbia con “Lesbia, me cheur) e i lirici Greci Arcaici, ma anche buona parte dei Salmi, dell’Ecclesiaste e dei Proverbi dal Libro dei Libri. Collaborò con numerosi periodici in lingua piemontese e con il settimanale “Saluzzo Oggi” e, proprio dalla raccolta degli articoli qui pubblicati, nel corso del 2003 venne pubblicato il testo Pagine (F)utili: un insieme di racconti relativi a ricordi che coprono un periodo esteso dagli anni ‘40 fino all’inizio del 1962. Questi racconti rappresentano uno spaccato della vita saluzzese, e più in generale piemontese, degli ultimi anni del secolo scorso.

Scrisse anche La ballata del vecchio contadino che ripercorre le trasformazioni avvenute in campo agricolo attraverso i ricordi di un anziano contadino seduto su una panca di pietra in attesa del tramonto del sole.

 

Pera d’autar

don Fusé, përché costa pera santa ‘d mulin a meula2, për chiel, për coj ch’a-j stan dantorn e ‘dcò… për coj ch’a-j veulo bin, rosari ‘d boneur për sèmper.

 

Robatà da na còsta dla montagna,
rabastà, raviolà (pàuta, suitin-a)
tirà, possà (da rompe ‘l fil dla schin-a,
a j’òm e le bestie) fin-a a Caramagna;

stondà3, sulià4 con massa e con scopel,
përtusà (che ‘d sudor për col travaj!
che ‘d man, che ‘d man a son gonfiasse ‘d quaj!)
samblà5 sël perno bin forgià, d’assel;

cobià con j’angranage dël rodon6
ch’a virava sgiaflà da la bialera
(roe, coreje7, arsòrt8, pulìe9…) ch’la pera
con scrussi10, squisi11, gëmmi12 e tramolon,

greva e dasianta13, bin ognùa14 con d’euli,
l’ha piait sò vir con tuti ij machinari
e sgranand gran-e ‘d gran – coma ‘n rosari –
(rosari ‘d pan) a l’é butasse a meuli…

Passavo j’agn, mulin-a ch’a mulin-a,
(passava ‘l gran, passavo ij muliné)
ma cola pera, sensa mai chité,
che ‘d fam ch’a l’ha pasià15 con soa farin-a!

Peui – l’ùltim muliné mòrt e sotrà –
son fërmasse rodon e machinari;
drinta ‘l mulin son mach restaje ij giari16
e la pera tra poer e ragnà…

Ora a l’é sì: (des sécoj son passà)
pera d’Autar – mulin straordinari –,
pilia dël Cel e pera dël Calvari
për meuli Pan Divin, a volontà

për pòvri e sgnor: Pan Sant e misterios
ch’a chërs le fior andoa ch’a-i é ‘d suitin-a,
ch’a vemp17 ël cheur pì veuid con soa farin-a,
che al cheur pì trist a dà ‘l soris pì doss…

E a passeran ij sécoj – bon o gram –
ma cost Autar-mulin, con gnun rodon,
a seguitrà a meuli j’orassion
për dé ‘d farin-a ‘d Cel a chi a l’ha fam.

E l’ùltim dì, cand che nòst temp an chita
e an resta mach pì n’ùltima speransa,
sarà sta pera, pera d’abondansa,
ch’a podrà dene ‘l Pan dla Vera Vita.

 

Con-i, 23 ëd Luj 1975 – Ann Sant

Rico Gulin

 

      1.      Crasà: schiacciato, annientato

      2.      Meula, meule: macinare

      3.      Stondà, stondéarrotondare

      4.      Sulià, sulié: lisciareaccarezzare

      5.      Samblà, samblé: unire varie parti insieme, assemblare

      6.      Rodon: rodone, grossa ruota che, mossa dall’acqua, metteva in azione il mulino

      7.      Coreje: correggia, cinghia di cuoio

      8.      Arsòrt: molla

      9.      Pulìe: puleggia

     10.     Scrussi: scricchiolio

     11.     Squisi: stridore

     12.     Gëmmi: gemiti

     13.     Dasianta: lentapacata

     14.     Ognùa, onzùa: unta

     15.     Pasià: calmato

     16.     Giari: topo

     17.     Vemp: riempie

 

 

 


Nato a Torino. Lingua madre: Italiano; lingua padre: Piemontese. Mi interesso di letteratura e canzoni popolari del Piemonte. Ho realizzato alcuni Scartari (quaderni) intitolati: Spassgiade tra poesìe, canson e conte piemontèise (Passeggiate tra poesie, canzoni e racconti piemontesi) che sono stati presentati in varie occasioni con esecuzione dal vivo delle canzoni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.