Edoardo Vercelletti, detto Edver, era originario di Valdieri, alta Val Gesso.
Ha scritto in piemontese e nel patois della sua valle ispirandosi con delicata sensibilità ai sentimenti e agli affetti della vita quotidiana della comunità montanara, legata al nascere e al morire tra difficoltà che la rudezza della vita non tramuta in protesta ma in umana religiosa comprensione e legame con l’universo delle cose e delle stagioni.
Tutta la sua opera poetica (un centinaio di lavori scritti in circa quarant’anni) è raccolta in un volume inedito intitolato Giargiàtole ‘d mè banchèt.
Diverse sue poesie sono state pubblicate da Ij Brandé, da ‘l Bochèt, dal Cenàcolo, da Coumboscuro e dal Musicalbrandé.
Ha scritto anche per il teatro piemontese: quattro Monòlogh, una Facessia in versi in quattro tempi e una commedia in tre atti, Sota l’orm.
Vercelletti è stato anche un bravo musicista e le sue più belle soddisfazioni le ha avute alle rappresentazioni, al teatro Rossini di Torino, dalla compagnia di Casaleggio con Tèra monfrin-a di N. Costa («Tèra monfrin-a, nòstra mare antica…» che costituisce un omaggio di Costa alle radici monferrine della madre, nata a Gabiano, e della moglie, nata a Nizza) e Martin e Martineta, sempre di Costa, e Viva la sposa di Pinin Pacòt e Armando Mottura; tre commedie con musica sua fatta di canzoni e di romanze popolari, che sono state parti importanti per il successo che ha avuto non solo in Piemonte ma anche in America, quando Casaleggio ha portato la sua compagnia tra i Piemontesi emigrati in quelle terre.
Ha musicato inoltre diverse canzoni piemontesi e diverse poesie del suo patois della Val Gesso.
La Colan-a musical dij brandé, sesta serie, il fasc. 31 reca: Arc an cel, musiche su poesie di A. Nicola e E. Vercelletti (1954).
È mancato cinquant’anni fa, il 9 gennaio l97l.

L’ARCANCEL
Vist dòp un temporal, un arcancel1
l’é da buté tra tante maravije:
pogià ansima a dle nìvole s-ciairìe,
a dòmina su j’autri pont d’assel!

Leger e trasparent parèj d’un vel,
l’é fàit apen-a ‘d gosse colorìe
con ‘d tinte vaporose e un pò sbiadìje,
ma a slansa soa campà2 travers al cel.

Ai prim sofi ‘d vent, chiel a spariss
lassandne adòss un sens ‘d malinconìa,
parèj d’una speransa ch’a svaniss.

L’istessa còsa a l’é la poesìa,
fàita dcò chila ‘d làcrime e ‘d soris,
che ‘l vent dla realtà a spatara via.

TREPIDASSION
Me cheur l’ha avù n’arsàut: l’é sì ch’a ven!
Ma forse a-i é quaidun ch’a l’ha fërmala:
s’i andèissa ancontra fin ai pé dla scala
podrìa ambrassela s-ciass, con ël cheur pien!

Nò! Nò! L’é mej ch’i sia padron ëd mi:
la lasso intré, më stërmo ant un canton,
ij fass prové na cita delusion,
peui saoto fòra a l’improvis: «Son sì!»

Parej ‘d na rondolin-a un pò sburdìa
ch’a stërma soa testin-a sota l’ala,
chila a pogerà la testa su ‘d mia spala

për ciusioneme3 pian ant un’orija:
«Pròpi dabon: t’ëm veule tanta bin?»
e la rispòsta a-j la darà un basin.

LA FIN ‘D NA GIOURNÀ
(poesia in patois dell’Alta Val Gesso)
Barbo Batisto al passo la giournà
intërëssandsë ‘d tout, ma al fé pù ‘d nënt:
ha scaizë nourant ann e la soua mënt
passo ‘n rassëgno tout lou tëmp passà.

A l’ha ‘nlëvà a l’amour par la mountagno
meso douzëno ‘d fij san e roubust;
euro chë chiël së sëntë vëj e frust
l’é lour ch’ij mandou anant caso ë campagno.

Ma chiël s’arcouardo ‘ncar i barioun ‘d fën
e i fiourìer ‘d feujo pouartà a caso a spalo
couro ch’is la fadìou ‘ncar nënt tant bën.

S’al pënsso ai sai sagrin laissà an’arìer,
Jë ‘mpié scoutar, couro lou solej calo,
i bòt dl’Avëmario dal së chiouchìer.

ËL TRAMONT. Barba Batista a passa la giornà goardand d’antorn, ma sensa bogé un dil:
l’ha squasi novant’ann e a peul tranquil arcordé tut ël sò passà.
Ant l’istess pais ‘d montagna andoa l’é na chiel l’ha chërsù ij sò fieuj san e robust e adess ch’a l’é vnù vej e as sent già frust l’é lor ch’a mando anans j’afé dla ca.
Ma chiel arcòrda vàire baron ‘d fen e fioré4 ‘d feuja l’é portasse a spala quand ch’as la fasìa ancora nen tant ben!
A pensa ai sò sagrin lassà andaré, mentre ch’a scota, ‘ntant che ‘l sol a cala, ij bòt dl’Ave Maria dël sò cioché.

1. Arcancel: arcobaleno
2. Campà: gettata
3. Ciusioné: sussurrare
4. Fioré: telo in cui si raccoglie fieno o foglie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.