Nato a Torino nel 1861, Leone Fino adottò fin dalle prime pubblicazioni lo pseudonimo «Rico» (era il nome di suo figlio) col quale firmò il suo primo volume di poesie Me fieul. Impression e macëtte, 1890 (ristampa 1903) e tutti gli scritti successivi.

 

 

 

Nel 1893 furono stampati sul «Birichin» i trentadue Sônett… alègher, poi raccolti in volume (ristampa 1903).
Seguirono Griote (Amarene) 1906,

poi Frole… Frolôn… (Fragole… Fragoloni) 1925, e infine Môre nel 1928.

 

Ha dato anche al teatro una piacevole commedia: Basin, bailòt e bronse (1928).
Tutta la sua poesia è fatta di versi scorrevoli, discorsivi e piani.
Fanno eccezione non molti sonetti alègher in cui si coglie un sorriso sbarazzino e un po’ complice, come in Question dlicà che, nel suo genere, ci pare tra i migliori.
Rico si stacca dalla lirica, ma riesce bene in quel leggero genere satirico o ridanciano che piaceva ai poeti del «Birichin».
Egli aveva comunque coscienza dei suoi limiti e lo dimostrò scrivendo il suo epitaffio: «Mezzo poeta, mezzo ragioniere / non fu né un né l’altro: miserere».
Si spense a Torino il 16 marzo del 1935

Question dlicà
J’era a Pòrta Palass na vërdurera
ch’a criava -furiosa – con soa fija:
«Ah briganta! L’é costa la manera?
Butete a man parèj! Chi lo chërdrìa?
Pensé ch’i savìa gnanca lòn ch’a l’era
a quìndes ani! E ti ‘t la campi via!
Guardé mach coj doi euj! Guardé che cera!
Lavétla (1) con dij sgiaf! Lòn, ch’a ventrìa!»
Ma l’àutra, tuta calma e sorident:
«Oh mare, scota mare – a-j rispondìa –
(fiera d’avèj trovà ‘n bon argoment)
scàudte nen, ch’a l’é inutil! Vòlta ‘l feuj!
‘T lo sas che ‘n fin dij cont l’é ròba mia,
e i son padron-a ‘d fene lòn ch’i veuj!»

Serenità
Son dël color gris-perla, ij me sonèt,
con na frisin-a, pen-a pen-a, ‘d reusa:
come le veste e j’ale dj’angelèt,
come, a vint ani, ij seugn d’una faseusa (2).
Quàich vòlta i tento pro ‘d carché ij filet
reusa e ross, për lassé la marca ancreusa (3),
ma le mie rime – cavèj fin folèt –
son mach sempre gris-perla, con ‘n pò ‘d reusa…
Che j’autri a canto pura ij gran torment
dl’amor, le frev, e ij seugn, le passionasse
ch’a perséguito l’òm fin da le fasse…
tut lòn am lassa frèid, indiferent.
Gnente ch’a brusa tròp o a scàuda o a cheusa:
mie rime a son gris-perla, con ‘n pò ‘d reusa…

A me canocial da teatro
Da tanti ani, a la sèira, ‘nsema a mi
quante còse it l’has vist, me canucial!
Quante comedie e farse it l’has sentì!
Na sèira la tragedia, e peui un bal,
n’ operëtta, un dramass mai pì finì,
gambëtte ‘d balarin-e (gnente mal),
spale bianche ‘nt ij palch (tanti cit nì),
sene… russe, e costum a l’oriental…
Tut lòn, e d’àutr, e d’àutr, a l’é passà
travers a le toe lenti, ò canucial…
E pura nen un segn, na marca cita.
Gnente! su ij tò quatr véder 1’é restà.
Na nebia ch’a svapora – tal e qual –
come un seugn ch’a svaniss… come la vita…

Amprendiss fundeur (4)
Na faciòta da foin (5), doi euj ch’a luso,
e n’aria svicia, furba, dësgagià!
Content d’essi fondeur, as lava ‘l muso
Na vòlta al mèis…, l’è spòrch ch’a fà pietà…
Ma chiel a-i ten! Chiel na va fier ‘d col ruso
Come ‘n marches l’é fier ‘d soa nobiltà!
Sul travaj… già, a fa pòch! Ma l’è nen tuso (6)
për porté ij mesi lìter da stërmà,
o dé ‘l segnal quand che ‘l padron s’avzin-a!
Dël rest, simpàtich! Tuti a-j veulo bin!
L’é sempre an mòto, ardì com në siolòt!
La sèira ‘s na và a spass con soa gognin-a
e a comensa a dësvijesse, ‘l barbaròt!
– Ma guarda ch’a j’é gnun!…Ven sì, Ghitin!…-

1.       Lavartela
2.       Modista
3.       Segno profondo
4.       Apprendista fonditore
5.       Faina; ragazzo vispo
6.       Ottuso

Nato a Torino. Lingua madre: Italiano; lingua padre: Piemontese. Mi interesso di letteratura e canzoni popolari del Piemonte. Ho realizzato alcuni Scartari (quaderni) intitolati: Spassgiade tra poesìe, canson e conte piemontèise (Passeggiate tra poesie, canzoni e racconti piemontesi) che sono stati presentati in varie occasioni con esecuzione dal vivo delle canzoni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.