L’importante mostra – seguita dall’asta – che la Casa Sant’Agostino ( Torino, C. Tassoni 56 ) propone, spazia da un dipinto di Louis de Carlery ( + Bruxelles 1645 ) autore di una dettagliata “Riunione di dame e cavalieri” ( già galleria Luigi Caretto ) a due rare e notissime opere di Antonio Fontanesi del periodo londinese con una folla di astanti di fronte al “Big Ben”

oppure una sola figurina in rosa all’ingresso della “National Gallery” ( stima 60/70.000 E. ) sino al decollage di Mimmo Rotella, artista che “si appropriava di un aspetto del reale” strappando nottetempo i manifesti dai muri di piazza del Popolo.
La rassegna si amplia e si completa con una scultura in marmo di Carrara di Leonardo Bistolfi ( 1906, “L’Alpe”, stima 50.000 E. ) criticamente commentata da Armando Audoli, orologi preziosi fra i quali spicca un manufatto in platino e smalto ( 2005, Gerald Genta, base asta 30.000 E. ) che s’ispira a un’architettura del Borromini e l’anello “contrarié” con due diamanti di c. 5 ct l’uno ( 16.000 E. ).
Molti i dipinti dei secoli XIX e XX: “Estate in valle” di Giovanni Giani, opera caratterizzata dall’ampia catena dei monti innevati, la divisionista “Val Bregaglia” di Cesare Maggi “folgorato” letteralmente da Segantini; lo sfogliarsi delle rose nella tela di Luigi Serralunga e una bella serie di Nudi e Ritratti, da Morbelli all’Arnaud.
Il novecento si apre con la grande opera di Albino Galvano del 1932 ispirata ai pittori d’Oltralpe e la “composizione con figure” di Mario Sironi ( 20.000 E. ), il divertente Boetto che ammira e disegna il “Carnevale di Saluzzo”, il bosco con pettirosso di Tabusso.
Storicamente malinconica è la “Famiglia” del 1979 di Trento Longaretti mentre per 14.000 € ci si può aggiudicare la fiammeggiante composizione di Emilio Scanavino; un po’ più cara, l’opera di Carolrama composta da una camera d’aria, un copertone di bicicletta, pastelli e carta velina già commentata da Edoardo Sanguinetti.
Una serie di sculture di Paolo Troubetzkoi, il bronzo “Sandra Milo” del 1958 di Messina oppure l'”Omaggio a Tersicore” di Salvador Dalì ( scultura fusa a Mendrisio e ben giocata sulle luci del bronzo ) completano un’esposizione di qualità che allieta i nostri giorni afflitti e vincolati da un subdolo virus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.