Cambio al vertice del Lions Club Caselle Torinese Airport.
Dopo un anno di presidenza del dottor Stefano Dinatale, si sono svolte le votazioni sociali che hanno visto l’insediamento della nuova presidente, la signora Mara Grivet Fetà.
Una cerimonia sociale tenutasi presso il Jet Hotel – Antica Zecca ha permesso anche un incontro, non più virtuale fra i soci, che così hanno potuto esaminare bilanci, trarre spunti per nuove attività, ricreare quei valori che dopo quasi due anni di soffocamento sembravano quasi persi.
Mara Grivet Fetà è una professionista casellese che opera nell’ambito della sanità. Al suo nome ed al suo studio eravamo stati abituati dal precedente presidente, il quale, in più occasioni, aveva abbinato i cosiddetti “service” sociali al nome e alla professione della signora Mara, la quale ora ha preso in mano il testimone che reggerà per un intero anno.
Abbiamo incontrato la signora Mara, alla quale innanzi tutto abbiamo fatto pervenire i complimenti e gli auguri di Cose Nostre per questo incarico così importante nell’ambito di una altrettanto importante associazione casellese.

-Presidente, si presenti ai Casellesi. –
“Sono casellese da generazioni , ho 49 anni e sono sposata da 20 anni con il geometra Lorenzo Verderone. Ho due figli: Gabriele di 18 anni e Isabella di 15 anni. Sono la titolare dello studio dentistico “San Grato” di Caselle. È dal 16 dicembre 2017- anno in cui il ramo casellese è stato fondato per merito, impegno e determinazione dell’architetto Davide Lanzone – che faccio parte  dei Lions Club Caselle Torinese.”

– Quale sarà la sua squadra? –
“La mia squadra è formata da persone speciali e cioè da tutti i membri del gruppo perché è la coesione e l’affiatamento che abbiamo a permetterci di arrivare ai risultati strepitosi conseguiti fino a oggi.  Le nuove cariche sono state così ripartite: vice-presidente, Enea Paravano; segretario,  Melissa Baccarella; tesoriere, Paolo Battaglia; cerimoniere,  Antonella Passaretti; presidente addetto ai soci,  Stefano Dinatale; presidente addetto ai service,  Linda Bruno; coordinatore LCIF, Davide Lanzone; officer informatico,  Noemi Zirpoli.”

– Quali obiettivi si prefigge di raggiungere in questo anno di mandato? –
“Porterò avanti quelli che sono gli obiettivi di sempre del Lions Club Caselle Torinese Airport e cioè aiutare perché il nostro motto è “We serve”. “

– Ci può dare qualche news dei prossimi mesi? –
“Abbiamo molti service in programma e altri che sono al momento ottime idee da realizzare. Sicuramente ci sarà l’acquisto di occhiali da vista di riserva per i nonnini  delle case di riposo, una giornata gratuita di visite dell’udito, una giornata gratuita in aiuto ai genitori che hanno disagi con i figli a causa del Covid, una giornata gratuita con visite odontoiatriche, ortodontiche, optometriche e posturali ed infine la donazione di un ecografo portatile per il reparto di medicina dell’ospedale di Ciriè. Questo è quello che vogliamo realizzare entro la fine dell’anno 2021, Covid permettendo.”

Come faranno i Casellesi a sapere di queste iniziative? Semplice, il giornale Cose Nostre sarà sicuramente il primo a conoscere le date in cui verranno svolti i service e quindi a darne notizia.
Ben lieti di essere parte attiva in questo stupendo mondo del “We serve”, Cose Nostre ci sarà e le notizie ai Casellesi arriveranno puntuali.
Buon lavoro, Presidente.

Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.