Riceviamo e pubblichiamo il Comunicato Stampa del Comitato Promotore della Lista Civica progressista  “Progetto Caselle 2027”

COMUNICATO STAMPA

Sentendo l’urgenza di avviare un ampio e partecipato dibattito che coinvolga le casellesi e i casellesi nella costruzione di un programma “Progetto Caselle 2027”  per il rilancio economico e la vivibilità della nostra Città, si costituisce a Caselle il Comitato Promotore per la Lista Civica Progressista “Progetto Caselle 2027”.

L’adesione al Comitato Promotore è aperta alle donne, agli uomini e alle associazioni che si riconoscono nei  principi universali di solidarietà e giustizia sociale e sono fortemente legati alla Costituzione della Repubblica, nata dalla Resistenza e dalla Lotta Antifascista.

Insieme daremo vita ad un  incubatore di idee  di alto profilo, aperto e inclusivo, per costruire un Progetto in grado di rilanciare il nostro territorio, anche con soluzioni capaci di intercettare la mole di risorse che saranno messe in campo dal Recovery Fund e non solo.

Insieme definiremo il progetto e poi sceglieremo, insieme, le persone per realizzarlo, favorendo la più ampia partecipazione, sia alla fase di costruzione del progetto che a quella della realizzazione.

Vogliamo lavorare insieme alle  persone che desiderano un cambiamento reale nell’amministrazione della nostra Città e a quanti si sono riconosciuti, in un momento drammatico per la Repubblica, nell’esperienza del Secondo Governo Conte.

Insieme, Partecipazione, Democrazia, Coesione, Inclusione sono le linee guida.

Il Comitato Promotore dopo le elezioni Comunali del 2022 si costituirà in associazione con l’obiettivo di favorire la più ampia partecipazione al Governo della Città.

Molti sono i temi per il Programma, ma alcuni rivestono carattere prioritario:

 Pulizia della città e rispetto delle regole: la pulizia della città, il Suo decoro e il far rispettare le regole sono obiettivi basilari della buona amministrazione.

 Occorre intervenire per rivitalizzare il centro storico e renderlo attraente  per nuove attività economiche di valore, aiutare il commercio e le attività produttive a svilupparsi usando le opportunità che si verranno creare e sfruttando al meglio i nuovi collegamenti ferroviari che interesseranno Caselle dal 2023.

 Un riassetto generale del territorio è necessario: si è costruito molto e intere zone della città sono isolate, senza servizi, quasi dei dormitori. Nel rispetto dell’agenda 2025 dell’ONU, in  futuro ci dovrà essere meno consumo di territorio e più recupero e riutilizzo del patrimonio immobiliare esistente con miglioramento della vivibilità.

  Gestione del territorio nel rispetto delle aree verdi e della vocazione agricola.

 L’interramento della ferrovia fu un grande successo,  ma quell’opera va completata perché abbiamo una brutta nuova stazione mentre quella storica cade a pezzi e l’area sopra la ferrovia è lasciata a sé stessa. Il passaggio della TO-CERES al sistema SFM è una nuova opportunità da non sciupare.

 Sui progetti che riguardano le  Aree ATA, zona aeroporto, bisognerà riprendere un ragionamento perché sono passati 20 anni. Preoccupa anche una certa intermittenza del progetto “Open Mall” che ogni tanto compare e poi si eclissa.

 E’ importante che i cittadini di Caselle e dei comuni aeroportuali siano rappresentati nel CDA della società di gestione dell’aeroporto, per promuovere scelte che non siano ispirate solo a criteri di mera gestione finanziaria.

 Creare spazi per garantire la fruibilità dello sport ai nostri giovani, indipendentemente dalla condizione sociale, anche in collaborazione con le realtà sportive esistenti. Un palazzetto dello sport è obiettivo troppo ambizioso per i casellesi?

Considerato che molte delle risorse europee saranno finalizzate alla sanità, è l’occasione di rilanciare il ruolo del poliambulatorio come luogo della prevenzione e della prima diagnostica.

 È urgente, immaginare politiche per i giovani anche per farne crescere i talenti, in collaborazione con gli incubatori universitari e la Regione.

L’elenco non è esaustivo, molto altro dovrà entrare nel “Progetto Caselle 2027” ma lo definiremo insieme, nelle assemblee, nei dibattiti, nei tanti  gruppi di lavoro che auspichiamo nascano.

 E’ stato nominato il comitato direttivo provvisorio che ha individuato i seguenti incarichi:

Pasquale De Carlo – costruzione del programma,

Endrio Milano – coordinatore,

Dario Pidello – tesoriere,

Mihai Trufin – inclusione dei nuovi casellesi

Per informazioni e adesioni email: progetto.caselle2027@outlook.it

 

Caselle, 26 luglio 2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.