Prosegue sempre con vigore l’attività dei militi della Croce Verde Torino Sezione di Borgaro-Caselle.
Una estate densa di impegni e di novità istituzionali.
Da troppo tempo erano ferme le attività dell’Ente all’infuori dei servizi da rendere al 118 Regione Piemonte. Erano ferme le assistenze alle manifestazioni varie, come anche le assemblee e le riunioni in presenza.
Così nel mese di luglio, approfittando dei buoni andamenti offerti dai confortevoli dati sul contagio, si sono svolte una serie di attività molto interessanti.
Il 16 luglio, a Borgaro, ecco una magica “notte bianca”: grande assistenza e grande affluenza di pubblico nei vari stand con molta folla fra le bancarelle, voglia di socializzare, anche per gli stessi militi che, come sempre disponibili, hanno partecipato in massa, nella consueta divisa arancione, a creare innanzi tutto sicurezza, raccomandazioni sul distanziamento e sulla igienizzazione.
Poi, a Malanghero alcuni militi hanno poi offerto la loro esperienza a 25 giovani fra i 6 ed i 12 anni spiegando loro le più elementari norme sul funzionamento di un pronto intervento medico, ad iniziare dal corretto modo di chiedere aiuto al Numero Unico Europeo 112.
Anche al Parco Chico Mendez, ancora a Borgaro, i nostri militi hanno offerto assistenza a una gara podistica amatoriale, con grande soddisfazione di tutti.

Invece è in preparazione una manifestazione a Caselle, prevista per il 25 settembre, di cui daremo ampio risalto nel prossimo numero.
Frattanto, scaduto il triennio degli eletti in Consiglio Direttivo, si sono tenute le votazioni per l’elezione del nuovo consiglio. Tutti i militi dell’associazione, fra cui anche i nostri militi di Borgaro-Caselle, hanno votato massicciamente esprimendo le loro preferenze sui candidati a guidare l’Ente per i prossimi tre anni. Dalle urne è emersa la volontà di dare seguito alla precedente gestione di Croce Verde Torino che ha visto rinnovare ai vertici il Presidente in carica Paolo Mario Moiso, il Direttore dei Servizi Salvatore Bucca, e tutte le cariche istituzionali deputate al funzionamento di questo Ente, gestito a tutti i livelli apicali unicamente da volontari.
Vanto e unicità nel settore. Nessuno stipendiato, nessun dipendente fra la dirigenza: volontari, veri volontari e militi della Croce Verde Torino in servizio a tutti gli effetti.
Vale la pena ricordare come Croce Verde Torino e le sue sezioni abbiano annoverato nel 2020 oltre 1.400 volontari e 97 dipendenti che -si legge nella relazione del Presidente Moiso -“rappresentano un valore di tempo pari a 300.000 ore di lavoro impegnate, corrispondenti a una valorizzazione in euro pari a 7 milioni, tutto ciò a vantaggio delle relative comunità cittadine, non solamente in termini di capacità e qualità dei servizi (74.632, nel 2020, uno ogni 7 minuti), ma di attenzione ai bisogni delle singole persone e di vicinanza ai bisogni delle comunità”.


Anche nella realtà locale, ovvero la Sezione di Borgaro-Caselle, si sono svolte le locali votazioni per il gradimento del responsabile di sezione e del suo vice.
La prosecuzione della fiducia è stata espressa nuovamente per Angela Maddalena, a sua volta coadiuvata dal vice Renato Allara, che hanno guidato la sezione negli ultimi tre anni di cui quasi due fra i più pesanti di tutti i tempi dal dopoguerra ad oggi.
Ai vertici torinesi ed a quelli locali, gli auguri della nostra testata che da sempre riconosce il grande valore dell’opera svolta in favore delle nostre comunità.
Ricordando sempre che nuove risorse umane di volontariato sono le più benvenute, ricordiamo agli interessati che possono telefonare tutti i giorni dopo le 20 al numero: 011.4501741 risponderà la Croce Verde Torino Sezione Borgaro-Caselle. Oppure inviare una mail al seguente indirizzo:
borgarocaselle@croceverde.org
Verrete contattati e vi verrà spiegato chi è, cosa fa, quali impegni si assume chi vuole entrare a far parte dei militi della Croce Verde Torino.

Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.