Al ritorno dalla vacanze il nostro notaio, il dottor Gabriele Naddeo, ha concentrato la sua attenzione su alcune sentenze della Corte Suprema di Cassazione che riguardano questioni relative alla proprietà, ai contratti, ai vincoli matrimoniali e alle separazioni.

Cassazione, ordinanza 12 febbraio 2021, n. 3684, sez. II civile
Proprietà: limitazioni legali della proprietà; rapporti di vicinato; distanze legali (nozione) nelle costruzioni e calcolo dal confine; costruzione a distanza inferiore di quella prevista “ex lege”; costituzione di servitù.
Al fine di mantenere una costruzione a distanza minore di quella prescritta dalla legge non è sufficiente un’ “autorizzazione” scritta unilaterale del proprietario del fondo vicino, ma è necessario un contratto che, pur senza ricorrere a formule sacramentali, dia luogo alla costituzione di una servitù prediale, ex art. 1058 c.c.: tale contratto dovrà contenere i termini precisi del rapporto reale tra vicini, nel senso che l’accordo, risolvendosi in una menomazione di carattere reale per l’immobile che alla distanza legale avrebbe diritto ( a vantaggio del fondo contiguo che ne trae il corrispondente beneficio), faccia venir meno il limite legale per il proprietario del fondo dominante, che così acquista la facoltà di invadere la sfera esclusiva del fondo servente.

Cassazione, sentenza 29 gennaio 2021, n. 2110, sez. II civile
Contratti in genere: contratto preliminare o compromesso (nozione, caratteri, distinzione); esecuzione specifica dell’obbligo di concludere il contratto.
Quando si sottoscrive un contratto preliminare ciascuna delle parti, in caso di inadempimento della controparte, può pretendere l’esecuzione forzata del contratto a mezzo di sentenza: la Cassazione con il provvedimento in esame afferma lo stesso principio anche nel caso in cui sia stato concluso il preliminare con uno solo dei comproprietari del bene in vendita. Ovviamente in questo caso l’azione giudiziaria potrà essere promossa solo per la quota oggetto di preliminare. L’esecuzione del preliminare di vendita di un immobile indiviso può essere domandata dal promissario acquirente per la sola quota indivisa del promittente venditore quando il bene non sia stato considerato nella sua interezza e in previsione della prestazione del consenso anche da parte degli altri proprietari, né è di ostacolo al trasferimento l’intervenuta divisione, alla quale il promissario abbia partecipato, ai sensi dell’art. 1113 c.c., prestandovi consenso.

Cassazione, ordinanza 24 febbraio 2021, n. 5061, sez. I civile
Separazione della famiglia: accordi tra i coniugi, anteriori al 2010; concessione del diritto reale di abitazione, con l’accordo di separazione; ammissibilità e motivi.

Secondo quanto dal d.l. n. 78 del 31 maggio 2010, come modificato dalla legge di conversione n. 122 del 30 luglio 2010, negli atti pubblici di trasferimento di beni immobili urbani, deve essere contenuta la dichiarazione circa la conformità delle planimetrie e dei dati catastali. Con quest’ordinanza la Corte di Cassazione afferma che, nell’ambito dei trasferimenti tra coniuge in corso di separazione, tale norma non debba essere applicata se gli accordi sono stati assunti prima dell’entrata in vigore della normativa di riferimento, ossia il 1 luglio 2010.

Cassazione, ordinanza 13 gennaio 2021, n. 376, sez. I civile
Famiglia: matrimonio; rapporti patrimoniali tra coniugi; comunione legale; scioglimento; divisione; separazione personale dei coniugi.
Se due coniugi sposati in regime di comunione legale dei beni si separano, gli acquisti fatti durante la separazione personale non entrano in comunione nel caso in cui i due coniugi, successivamente, si concilino. Ciò che conta, infatti, è lo stato di fatto che va ad influire su quello giuridico: la separazione personale infatti è causa di scioglimento della comunione legale e ciò a prescindere da qualsiasi pubblicità nei registri immobiliari. Nella specie la S.C., nell’applicare il principio, ha ritenuto non opponibile, al fallimento del marito, l’acquisto di un immobile da parte della moglie separata, non risultando lo scioglimento della comunione dalla nota di trascrizione della compravendita immobiliare.

Cassazione, ordinanza 21 giugno 2021, n. 17631, sez. V
Imposta di registro: agevolazione prima casa; mutuo dissenso di donazione; decadenza.
Secondo la Corte di Cassazione il contribuente che, prima di comprare casa, ne dona un’altra nello stesso comune di quella da comprare, non decade dalle agevolazioni prima casa se, una volta effettuato l’acquisto scioglie il contratto di donazione e dunque torna a essere proprietario anche della casa precedente. Per meglio comprendere il problema, si evidenzia che lo scioglimento del contratto di donazione a effetti retroattivi e, pertanto, il donante si considera come semmai si fosse spogliato del bene. Secondo la Corte, il contribuente al momento in cui compie l’acquisto non è più proprietario del bene donato e quindi non rende alcuna dichiarazione mendace. Non assume rilievo la retroattività degli effetti, concordata in sede di risoluzione consensuale della donazione, che vale solo per i rapporti interni tra le parti, e resta comunque ferma ogni valutazione dell’amministrazione in termini di abuso del diritto secondo la disciplina dettata dall’art. 10 bis della L. 212/2000.

Naddeo Gabriele nasce a Bologna il 30 marzo 1975, ove vive sino all’età di dieci anni per poi trasferirsi con la famiglia in Piemonte, a Carignano (TO). Consegue la maturità classica al Liceo “Guglielmo Baldessano” di Carmagnola. Si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Torino ove si laurea il 14 luglio 2000. Dopo la laurea, nel 2002, supera l’esame di avvocato, rimanendo iscritto per due anni all’Albo professionale di Torino, e per cinque anni all’Albo professionale di Alba. Si trasferisce nel 2001, rimanendovi per quasi cinque anni, a Salerno, ove svolge la pratica notarile e frequenta le scuole notarili del Presidente Guido Capozzi e del Notaio Claudio Trinchillo entrambe in Napoli. Nel 2005 torna a Torino dove frequenta la scuola notarile presso il Consiglio Notarile di Torino e Pinerolo in Torino. Sempre nello stesso anno, si sposa e comincia ad esercitare la professione forense. Nel 2010 consegue la qualifica di Esperto Legislativo – Valutatore S.G.A. UNI EN ISO 14001. Vince il concorso notarile bandito con D.D. 10 aprile 2008, venendo destinato come Notaio di prima nomina alla sede notarile di Caselle Torinese nel mese di luglio 2012, ove tutt’oggi continua ad esercitare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.