L’Italia è uno stato che staziona stabilmente tra i primi dieci paesi più sviluppati.
Uno pensa: se stiamo in questa posizione è perché L’Italia é una realtà importante  dal punto di vista industriale ed economico. Inoltre abbiamo anche il maggior patrimonio  culturale al mondo, quindi è anche un paese culturalmente aggiornato.
Aggiornato culturalmente? Qui casca l’asino. Certamente sono molti gli italiani colti e con interessi nei vari campi dello scibile.
Se sono maggioranza è tutto da vedere. Come spiegare, altrimenti, l’enorme diffusione di credenze che nulla hanno a che spartire con una conoscenza razionale faticosamente cercata?
C’è l’oroscopo che viene regolarmente trasmesso anche su reti TV nazionali, giornali e riviste. Alzi la mano chi non va a consultarlo. Astrologia, esoterismo, tarocchi, cartomanzia, divinazioni di vario tipo sono tutte pratiche ampiamente diffuse.
Mica l’elenco è finito. Quelle su descritte sono pratiche tutto sommato ingenue e primitive.
Anche in questi contesti si va avanti, l’aggiornamento è continuo: frutti new age variamente definiti, omeopatia – e qui sono in ballo molti soldi-, agricoltura dinamica… Questa va raccontata brevemente: chi la pratica sostiene che il campo da coltivare va dinamizzato. Come si fa? Si deve sotterrare nel campo un corno di vacca riempito con letami specificatamente preparati. Traete voi le conclusioni.
Tranquilli l’elenco va avanti.
Ultimamente sono entrati in questa particolare classifica  di pseudo-scienze roba come: l’armocromia, le costellazioni familiari celesti. Credo che si tratti di definire le caratteristiche di una famiglia attraverso lo studio delle costellazioni. Boh.
Ci sono poi le pseudo-cure farlocche. Chi si ricorda del dott. Bonifacio? Un banale veterinario salernitano che aveva inventato un siero estratto dalle capre e che, a suo dire, sconfiggeva i tumori. Sulla stessa lunghezza d’onda c’era la cura del dott. Di Bella. Vi ricordate i cortei con i politici in testa a chiedere che lo stato avrebbe dovuto adottarla? C’è l’ultima cura in ordine di tempo: la cura Vanoni. Un altro truffatore.
In questa rapida e, certamente, limitata e incompleta carrellata non possiamo non inserire loro i mitici tra i mitici: i terrapiattisti. Sembra incredibile ma pare che oltre il 5% degli italiani creda che la terra sia piatta.
A questo proposito c’è un episodio che va raccontato. L’anno scorso una coppia di coniugi del Nord-Est sbarcò a Palermo. Affittarono una barca. Intendevano raggiungere il braccio di mare dopo Lampedusa perché a loro dire in quel posto c’era una catena di montagne altissime presidiate da giganti e che segnava il limite della Terra. Furono salvati a stento.
Credetemi è tutto vero. Non meravigliatevi, non c’è limite alle credenze farlocche.
E quelli che credono nell’aura, all’energia cosmica, l’iridologia, le scie chimiche, complottismi vari?
Va bene. Credo che basti. Del resto potremmo andare avanti ancora a lungo. Potete anche continuare con una vostra piccola ricerca.
E poi ci meravigliamo se ci sono No-Vax che sostengono che col vaccino ci iniettano un micro-chip e che dentro il siero ci sono sostanze estratte da feti  che gli immancabili Obama e Soros hanno ottenuto uccidendo neonati in certi sottoscala?
Non è che con tutto questo c’entra che oltre il 50% degli italiani non leggono nemmeno un libro all’anno, né un quotidiano né una qualche rivista specializzata?
Che dio c’è la mandi buona.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.