Caro Cose Nostre,
vorrei portare a conoscenza quanto segue.
Recentemente io e mia moglie siamo stati invitati presso il centro vaccinale dell’aeroporto per l’inoculazione della terza dose.
Desidero con la presente, unitamente a mia moglie, ringraziare tutto il personale addetto: ottimo servizio, ottima organizzazione, attesa più che comprensibile visto l’afflusso dei pazienti.
In particolare vorrei si ringraziasse il medico vaccinatore della postazione n. 1,  di cui, purtroppo, conosco solo il nome di battesimo: Lorena. È stata molto gentile: chiedendoci scusa, ci ha fatto attendere pochi minuti perché doveva richiamare un paziente che era stato respinto per ragioni cliniche. Accertata però la possibilità di poter inoculare la dose al paziente respinto, la dottoressa lo ha chiamato telefonicamente per procedere. Un gesto che abbiamo apprezzato molto, e per il tocco di umanità, e per la professionalità espressa.
Complimenti davvero dottoressa, lei ha davvero messo in atto un gesto degno del giuramento di Ippocrate.
Anche l’infermiere che dirigeva le operazioni di massa è stato molto preciso.
Non posso neppure dimenticare l’infermiera che inoculava le dosi che, chiedendo il nome di battesimo di ognuno, ha utilizzato questo bel modo di individuare la persona mettendola così immediatamente a proprio agio e serenità.
A tutte queste persone fate pervenire la presente, con il “bravi davvero” mio personale e di mia moglie.
Se ho dimenticato qualche soggetto, spero mi si voglia perdonare: la riconoscenza per lo sforzo profuso è grande ed è destinata a tutti gli operatori.
Quanto vorrei poter convincere gli irriducibili No Vax!
Grazie ancora e buona vita a tutti.

Mauro Giordano e Franca Cena

Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.