Nino Costa nell’ultima sua raccolta di poesie intitolata “Tempesta” evoca episodi della seconda guerra mondiale.
In questa raccolta troviamo la poesia “La notissia” in cui il poeta racconta, con intenso lirismo, di come ha saputo della morte, avvenuta in combattimento il 2 agosto 1944, del figlio Mario, partigiano.
Quel giorno Mario, appena diciannovenne, durante una tremenda battaglia sul monte Génévry nel territorio di Pragelato, assaltò armato di bombe a mano un fortino occupato dai nazifascisti per aprire la via di salvezza ai compagni accerchiati; fu colpito alla fronte e morì sul colpo.
Nino Costa lavorava nella Filiale n. 5 della Cassa di Risparmio di Corso Re Umberto 54 di Torino.
Alessio Alvazzi Del Frate, suo amico, fu la persona che gli portò la triste notizia. Quando Alvazzi seppe della morte di Mario – erano già passati dodici giorni dal tragico fatto – si recò in banca e poi portò Costa fuori: in ufficio potevano esserci delle spie e fu costretto a dirglielo così per strada.
Nino non si riprese più dal colpo infertogli dall’atroce notizia e morirà poco dopo, nel novembre del ’45, non ancora sessantenne, per il dolore della scomparsa del figlio Mario.
Nino e Mario Costa sono seppelliti uno accanto all’altro nel cimitero di Ciriè.

Alessio Alvazzi Del Frate (Torino 2 maggio 1890 – 12 luglio 1982) è stato un grande magistrato, antifascista, maestro di Alessandro Galante Garrone, alpinista, fotografo, ritrattista nonché un delicato poeta in lingua piemontese; si firmava con lo pseudonimo Alex (v. “Cose nostre”, novembre 2011).
Suo figlio Cesare, nato a Oulx l’11 luglio 1926 – vivente, fu compagno di lotta di Mario Costa.
Dell’amicizia di Alessio Alvazzi con Nino Costa è testimonianza la poesia, scritta da Alex, intitolata “Na paròla”.

LA NOTISSIA
(16 agosto 1944)

Sëddes d’Agost… al dòp mesdì…
Col dì l’avìa mangià për tut disné
na mica ’d pan mojà ’nt un bicer ’d vin…
J’era content l’istess. Quasi a doi bòt
a-i riva ’l papà ’d Cesare ’nt l’ufissi…
«Pòrto ’d brute notissie…». «Mario?». «…Sì…».

La fin! la fin ëd tut… Nosgnor giuteme…
Na man më strenz ël cheur sempre pì s-ciass…

E ’ntant ël papà ’d Cesare am disìa…
«Mario l’è stàit n’eròe… l’è ‘ndàit da sol
a l’assàut d’un fortin… L’ha fàit na còsa
grandiosa… as peul nen dì… da sol… ch’a pensa…
con dontrè bombe a man contra ‘n fortin
për salvé ij sò compagn… e a l’ha salvaje…
L’é stàit ferì ’ns la front… sì… dzora dl’euj…
L’é restà lì ’n sël colp…. L’ha nen sufert…
Cesare a l’ha contame an che manera
Mario a l’è mòrt, lassù, sël Génévry
nen sensa invidia…».
E mi sentìa pì gnente,
mach pì la sfita al cheur…

«Sì, ’ndoma fòra…».
Fòra ‘l mal pòch për vòlta a l’é calmasse…

«Veullo, Còsta, ch’i vado a pié quaicòsa
Ò ’n cògnac, ò ’n café?…».
«Nò… gnente… gnente…
son fòrt… adess… am passa…»,

E a l’improvisa
l’idea ciàira: Mai pì… parèj d’un mat
son ficame le man ant ij cavèj…
Peui sùbit, col pensé ch’am fa paùra…
«Nosgnor! come farai a dijlo a mama?».

NA PARÒLA
(për la strà, con Nino Costa)

«Marcioma pian – t’l’has dit – l’hai mal al cheur».
E pian ansema i soma andasne an su.
T’am parlave dosman dël tò fieul përdù.

«A coj ch’a l’han massamlo ‘l me përdon
i l’hai già dailo… e a-i è tanto òdio an gir;
nò, ij gionto nen la mia maledission …».
E sì toa vos l’è mòrta ant un sospir.

L’è fasse un longh silensi ‘n tra noi doi.
Ma peui rivà a la fin dël nòst viagi,
squasi a conclude un longh discors tra ‘d noi,
mach na paròla ti ‘t l’has dit: «Darmagi …».

Ël pare ant ël sò fieul së specia an drenta;
sò seugn, sò avnì, tut sò destin l’è col;
a guarda anans e a ved che chiel a dventa
un bel e grand e fòrt come na rol.

Ma a-i ven la lòsna e ‘l fieul a l’è per tèra …
Tut l’è përdù: con seugn, l’avnì, ‘l coragi;
e ‘l sol ch’a splend l’è nen na còsa vèra.
Chin-a la testa ‘l pare e a dis: «Darmagi …».

Nato a Torino. Lingua madre: Italiano; lingua padre: Piemontese. Mi interesso di letteratura e canzoni popolari del Piemonte. Ho realizzato alcuni Scartari (quaderni) intitolati: Spassgiade tra poesìe, canson e conte piemontèise (Passeggiate tra poesie, canzoni e racconti piemontesi) che sono stati presentati in varie occasioni con esecuzione dal vivo delle canzoni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.