C’è anche il Politecnico di Torino fra i soggetti chiamati a dare un contributo importante alla realizzazione degli obiettivi del PNRR. Delle 30 infrastrutture di ricerca previste dall’Investimento 3.1 del PNRR – Missione 4 “Istruzione e ricerca” – Componente 2 “Dalla ricerca all’impresa”, ce ne sono 3 in cui il Politecnico di Torino è coinvolto direttamente. Tradotto in cifre, le infrastrutture in cui è coinvolto l’Ateneo riceveranno in totale circa 115 milioni di euro, di cui più di 15,5 milioni al Politecnico di Torino.

Per il Politecnico e per il nostro territorio l’ottenimento di questi finanziamenti e l’essere parte di questi tre nuovi poli di ricerca a livello nazionale rappresenta un risultato importantissimo che sarà un volano per l’economia e per l’occupazione di profili altamente qualificati. L’Ateneo potrà così dotarsi di nuove attrezzature e connettersi a reti nazionali e internazionali per condurre le proprie ricerche in sinergia con aziende ed enti di ricerca di altissima qualità” ha commentato il Rettore del Politecnico Guido Saracco.

Delle tre infrastrutture di ricerca a cui parteciperà il Politecnico, la più rilevante in termini di budget è quella denominata iENTRANCE@ENL, un acronimo che sta per “infrastruttura per la transizione energetica e l’economia circolare”: è di 14,3 milioni di euro lo stanziamento di pertinenza del Politecnico di Torino per questo progetto.

Quali le tematiche che verranno toccate? iENTRANCE@ENL si propone di diventare l’infrastruttura di ricerca di riferimento a livello italiano per la ricerca su nanomateriali per l’energia, processi e dispositivi per produzione verde, stoccaggio e distribuzione di energia, caratterizzazione di materiali alla micro e nanoscala, tecnologie per la realizzazione di strumenti e sistemi. L’infrastruttura sarà strutturata su sei nodi geografici riconosciuti a livello internazionale in aree di ricerca complementari coordinati da uno hub centrale. Il nodo di Torino, al quale contribuiscono Politecnico di Torino e INRiM – Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica – si occuperà in particolare di materiali, processi sostenibili e sistemi, inclusa la loro caratterizzazione metrologica, per la transizione energetica e l’economia circolare. Coordinatore scientifico per quanto riguarda la partecipazione del Politecnico di Torino è Fabrizio Pirri, del Dipartimento Scienza Applicata e Tecnologia (DISAT).

Il giornale Cose Nostre aveva già intervistato, lo scorso dicembre, il professor Pirri, che è di famiglia casellese e tuttora residente a Caselle. Lo abbiamo riascoltato per avere qualche aggiornamento su questa infrastruttura di ricerca finanziata in ambito PNRR.

“CO2 in eccesso: da problema a risorsa” era il titolo che avevamo dato all’intervista dell’anno scorso. Il tema della cattura e recupero dell’anidride carbonica prodotta in eccesso dalle attività umane e responsabile del cambiamento climatico continua ad essere centrale anche per questo nuovo progetto?

“Certamente sì – ci conferma al telefono Fabrizio Pirri – alla problematica ambientale della CO2 si affiancano le due tematiche collegate dell’utilizzo dell’idrogeno come combustibile e quello dello stoccaggio dell’energia. Il progetto iENTRANCE@ENL, finanziato con i fondi del PNRR, sarà un laboratorio distribuito per l’Italia, con una presenza importante a Torino grazie a Politecnico e INRiM, destinato a diventare il polo nazionale per la transizione energetica. Si tratta di un’iniziativa strategica in grado di mettere a sistema le competenze del Politecnico nella sintesi di nanomateriali funzionali e nella loro lavorazione per la produzione e utilizzo di idrogeno per la cattura e la valorizzazione dell’anidride carbonica, per la raccolta di energia rinnovabile lontano dalla costa (offshore), per i dispositivi elettrochimici impiegati nella conversione e stoccaggio dell’energia e per lo stoccaggio sotterraneo di vettori energetici, con le competenze dell’INRIM in merito alla metrologia, soprattutto per le reti gas e le reti elettriche intelligenti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.