21.8 C
Comune di Caselle Torinese
sabato, Luglio 20, 2024

    Antonio Lo Muscio è il “Casellese dell’Anno 2022”

    Premiato il presidente de “ La Stella Polare” Una vita spesa in favore dei ragazzi meno fortunati

     

    “Penso che un sogno così
    non ritorni mai più,
    mi dipingevo le mani
    e la faccia di blu,
    poi d’improvviso venivo
    dal vento rapito,
    e incominciavo a volare
    nel cielo infinito”
    Sono le indimenticabili parole della prima strofa di “Volare” di Domenico Modugno. Se non vi annoiamo troppo e se riuscirete ad arrivare al termine della lettura, capirete perché Antonio Lo Muscio, “Casellese dell’anno 2022”, ci ha insegnato a volare.
    Incontriamo Antonio, sì Presidente de “ La Stella Polare”, ma incontriamo soprattutto un uomo – a cui quest’anno va l’ambito riconoscimento conferitogli dall’Associazione Turistica Pro Loco di Caselle Torinese – che ha saputo dare un vero senso alla sua vita ed a quella di molti altri meno fortunati di noi. Stiamo chiacchierando nella bella sede de “ La Stella Polare”, in Piazza Garambois.
    Che piacere, che onore e che emozione essere seduto con una tazzina di caffè di fronte al “ Casellese dell’anno 2022”. Antonio parla a libro aperto.
    “Ho 67 anni, sono di famiglia pugliese, ma nato a Torino. A Caselle abito dal 1974, quando mi sposai. E Caselle è ormai la mia città. Lavoro nel commercio e da sempre avevo un sogno nel cassetto: quello di realizzare un centro di aggregazione e ci sono riuscito. Abbiamo costituito un’associazione, una sorta di palestra di vita per persone disabili, così che il futuro di queste ultime possa avere una qualità migliore”, dice Antonio.
    – Parliamo di Antonio Lo Muscio come presidente de “La Stella Polare” e partiamo da un po’ di storia: ci racconti come è nato il sodalizio che ora presiede.”
    “ La Stella Polare è nata nel 2007 da tre genitori di ragazzi diversamente abili che avevano l’intento di dare la possibilità a questi ragazzi e ragazze di poter essere inseriti nel tessuto sociale lavorativo. Per tre anni abbiamo operato sul territorio di Caselle spostandoci tra i locali dell’Informagiovani e l’oratorio, gentilmente offerti dal Comune di Caselle e da Don Claudio, il nostro parroco.
    Nel 201, purtroppo, sono venuti a mancare i due genitori con cui collaboravo e mi sono così ritrovato a gestire le tante questione de “La Stella Polare” da solo, dovendo affrontare problematiche molto impegnative. La prima idea, anche per sconforto, era di mollare tutto. Ma poi, dopo aver parlato con i ragazzi, ho capito che non poteva e non doveva esserci alternativa: decidemmo di proseguire, per continuare quello che ci eravamo prefissati, cioè aiutare chi come noi aveva bisogno di un supporto anche solo informativo. Così andammo avanti. Scelta fortunata. Non sbagliai perché cominciarono ad arrivare persone che ci affiancarono come volontari e cosi costituimmo nel 2011 ufficialmente “ La Stella Polare Onlus”. Quella che oggi si presenta così:
    “Siamo un centro di aggregazione e integrazione tra persone diversamente abili e normodotate. Promuoviamo e pratichiamo lo sport disabile, diamo assistenza e risposta a 360° su temi inerenti tutto il mondo della disabilità”.
    “Presidente, o meglio” Casellese dell’anno”, ci spiega questo concetto? Cosa intende esattamente per “dare assistenza e risposta a 360 gradi sui temi inerenti tutto il mondo della disabilità”? “
    – Vorremmo essere il punto di riferimento per le persone diversamente abili, ma anche per i normodotati, che cercano una migliore aggregazione e integrazione. Ci prefiggiamo quindi di fornire assistenza e risposte cercando di trovare assieme le fonti necessarie per risolvere i problemi verso tutti coloro che si rivolgono a noi. –
    “ Ci parli di come avete aderito al “Progetto gentilezza” , istituito dal Comune di Caselle.”
    – Noi abbiamo aderito molto volentieri al “Progetto Gentilezza” che il Comune di Caselle ha voluto proporre alla cittadinanza. Lo abbiamo sviluppato con i ragazzi scrivendo frasi gentili e stampate su dei cuori colorati che si possono appendere all’albero di Natale per ricordare che la “gentilezza non costa niente, ma rende molto”. –
    “ Da queste colonne desidera lanciare un appello a qualche ente o in favore di qualche associazione?”
    – Vorremmo che si creasse una sensibilità tale da costruire una città a zero barriere architettoniche dove, sia i diversamente abili, che gli anziani, così come le mamme con carrozzine possano viverla godendosela. –
    “Se dovesse concludere questa intervista con una canzone da dedicare ai suoi meravigliosi collaboratori cosa vorrebbe cantare?”
    – Senza dubbio “Volare” di Domenico Modugno, proprio per poter volare all’infinito. –
    Ma l’infinito c’è: è sulla porta de “La Stella Polare”, di cui Antonio Lo Muscio è presidente. “ La Stella Polare” non ha spazio e non ha tempo: vive in una terza dimensione, dove è il bene a guidare, laddove si cerca di dare una vita migliore a chi la vita se l’è vista negare.
    Da Antonio Mangalaviti ad Antonio Lo Muscio: il premio “ Il Casellese dell’Anno” nel segno della continuità guardando verso coloro che lavorano in silenzio, dando la cosa più preziosa e più difficile da trovare: l’amore assoluto e disinteressato. Regalando e regalandosi al prossimo.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Mauro Giordano
    Mauro Giordano
    Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    22.8 ° C
    22.8 °
    21.6 °
    91 %
    1.3kmh
    57 %
    Sab
    29 °
    Dom
    23 °
    Lun
    30 °
    Mar
    29 °
    Mer
    20 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Momenti giù, momenti su

    È risaputo che lo sport consente di migliorare molti aspetti della nostra vita. Infatti, attenua lo stress, allena la mente e aumenta l'autostima. Inoltre, grazie...

    22° Rassemblement