25.4 C
Comune di Caselle Torinese
venerdì, Luglio 12, 2024

    Il medico, il paziente e…la Dolce Vita

    Il 14 novembre si è celebrata in tutto il mondo la Giornata mondiale del diabete con la finalità di sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica su come prevenire e gestire tale patologia. Si tratta di una malattia cronica, caratterizzata da elevati livelli di glucosio nel sangue, che riguarda circa il 7% della popolazione. Ciò significa che nel comune di Caselle Torinese, con circa 14.000 abitanti, vi sono circa 980 soggetti diabetici. Numeri molto alti e destinati ad aumentare ulteriormente nei prossimi anni per via dello stile di vita sempre più sedentario e dell’alimentazione sempre meno salutare. Ma, se da un lato aumentano i casi di diabete, dall’altro lato anche la ricerca non si ferma: negli ultimi anni sono stati evidenziati nuovi fattori di rischio e soprattutto sono stati introdotti nuovi farmaci estremamente efficaci e sicuri che stanno mandando in pensione gli ipoglicemizzanti orali (sulfaniluree come la gliclazide) cioè quei farmaci che possono provocare delle ipoglicemie alle volte molto pericolose. Sui nuovi fattori di rischio merita una menzione l’insonnia: chi dorme male ha un maggior rischio di aumentare di peso e di sviluppare anche il diabete mellito di tipo 2, come evidenziato da una ricerca dell’Università di Torino. Altri studiosi hanno invece osservato che una durata del sonno inferiore alle cinque ore è associata ad un aumento del 25% del rischio di mortalità. Per ridurre tale rischio dovremmo cercare di dormire circa otto ore a notte. Quindi la prevenzione non riguarda solo più la cucina, ma anche la camera da letto. Importante inoltre non scordare altri fattori di rischio quali il fumo di sigaretta che aumenta il rischio di sviluppare il diabete oltre alla più che nota associazione con le malattie cardiovascolari e tumorali.
    Per quanto riguarda le terapie invece è in atto una vera e propria rivoluzione: l’obiettivo non è solo più abbassare il valore dell’emoglobina glicata, ma anche e soprattutto ridurre i fattori di rischio cardiovascolari. Il diabete infatti è un killer che uccide sotto falso nome: non sentirete mai dire “è morto di diabete”, ma di ictus o infarto che sono spesso conseguenza della sindrome metabolica e del diabete stesso. I nuovi farmaci, prescrivibili in alcuni casi anche dal proprio medico di famiglia con la nota 100 dell’AIFA non solo non provocano ipoglicemie, ma sono efficaci anche nel ridurre il peso corporeo nonché il rischio di patologie cardiache e renali, anche in assenza di diabete. Si tratta principalmente degli agonisti recettoriali del GLP-1 (Glucagon-like peptide 1) e degli inibitori SGLT2 (glifozine o glicosurici). Questi farmaci sono indicati già come prima scelta nei diabetici con malattia cardiovascolare o malattia renale cronica o ad alto rischio di malattia cardiovascolare, mentre la metformina rimane il farmaco di prima scelta per il trattamento del diabete mellito tipo 2 senza tali patologie associate e salvo controindicazioni o intolleranze. La dolce vita in conclusione non va condannata, ma perseguita: spetta ad ognuno di noi limitare però i fattori di rischio per praticare uno stile di vita sano, mentre compito del medico di famiglia, del diabetologo e del cardiologo è utilizzare ogni arma a sua disposizione per contrastarne le complicanze.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Stefano Di Natale
    Stefano Di Natale
    Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Torino nel 2008, ho partecipato a numerosi protocolli di ricerca in ambito endocrinologico, quattro dei quali pubblicati su riviste internazionali. Mi sono specializzato in Medicina Generale nel 2014. Ho collaborato con l’associazione PCOS-Italy gestendo l’ambulatorio multidisciplinare specifico per donne con sospetta diagnosi di PCOS c/o la Fondazione Tempia di Biella. Sono stato Direttore Sanitario della casa di riposo “Madonna delle Grazie” di Cintano (To), Medico Prelevatore c/o la CDC di Torino, Medico Fiscale e Medico Necroscopo in ASL TO3, Medico Sociale per diverse società sportive tra le quali i Giaguari di football americano ed i Bassotti di calcio a 5. Ho lavorato inoltre per l’istituto di Medicina dello Sport di Torino avendo il privilegio di visitare parte della prima squadra della Juventus FC e del Torino FC. Ho lavorato per vari Juventus Summer Camp (Madonna di Campiglio, Procida e Vinovo), in RAI come medico di struttura durante la registrazione di diversi programmi televisivi, per la Piccola Casa della Divina Provvidenza “Cottolengo” di Mappano, per l’RSA “Casa Serena” a Torino, come Consulente Medico per la Scuola Superiore di Osteopatia Italiana e occasionalmente come docente per corsi di Primo Soccorso BLS per aziende pubbliche. Attualmente sono Medico di Medicina Generale a Caselle T.se, via Roma 19. Ho infine l’onore di essere il Presidente del Lions Club Caselle Torinese Airport e membro del Comitato Medico Scientifico dell’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione “Lorenzo Greco” Onlus.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    temporale
    25.8 ° C
    27.6 °
    23.6 °
    70 %
    5.7kmh
    40 %
    Ven
    26 °
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    31 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi