Riempiamo le ceste

Natale ai Battuti

0
538

Dove sono queste ceste da riempire? Riempirle per fare cosa e con che cosa vanno riempite?
Domande legittime.
L’iniziativa del Natale 2022 dei Battuti ha un titolo – “ Riempiamo le ceste”, appunto – che vuole essere volutamente provocatorio, per sollecitare il Natale della condivisione, solidarietà e gentilezza.
A questa iniziativa collaboreranno gruppi, associazioni e classi delle materne e degli altri cicli scolastici. I nomi saranno resi noti durante la manifestazione. Attualmente, mentre scriviamo è in via di definizione.
Ogni gruppo partecipante esporrà la sua proposta natalizia, interpretando questa festività secondo la propria sensibilità.
Nonostante le derive consumistiche che negli ultimi anni lo stanno snaturando, il Natale è la festa della solidarietà e condivisione per eccellenza. Fortunatamente questi valori sono presenti in molti uomini e donne consapevoli e di buona volontà.
Nella condivisione e solidarietà sta il cuore del messaggio di Yehoshua ben Joseph, meglio conosciuto come Gesù il Nazzareno.
Gesù è senza ombra di dubbio punto di riferimento non solo dei credenti ma di tutti coloro che hanno a cuore il destino dell’uomo.
I concetti di solidarietà, condivisione e gentilezza sono particolarmente importanti in un periodo storico come l’attuale caratterizzato da guerre, crisi e smarrimento.
Accanto alle troppe persone che hanno più del superfluo, ci sono molti che fanno fatica a garantire ai propri cari il minimo per una vita dignitosa.
Sono questi motivi, sinteticamente esplicitati, che ci pongono difronte alla domanda: come concretizzare praticamente la solidarietà e condivisione?
Le possibilità sono molte. Si può sottoscrivere per le varie organizzazioni sociali impegnate nei vari settori, fare volontariato…
Noi dei Battuti, in collaborazione con la Caritas parrocchiale di Caselle, abbiamo pensato di allestire davanti all’altare maggiore della nostra Confraternita il presepe della solidarietà e condivisione.
I visitatori troveranno un presepe realizzato con sagome dipinte raffiguranti i principali protagonisti del presepe: la Sacra Famiglia in primis.
Davanti al presepe saranno disposte delle ceste vuote in cui, chi lo desidera, potrà deporre la propria offerta in natura come: pasta, olio, scatolame, latte, biscotti e materiale per l’igiene. Oppure versando un’offerta in danaro.
Quello che verrà raccolto sarà devoluto alla Caritas di Caselle.
Chiediamo ai Casellesi di compiere un gesto di buona volontà. Sarà solo una goccia.
Una goccia necessaria per mostrare ottimismo e amore verso il prossimo. È anche la goccia necessaria a far crescere l’oceano delle persone che credono in un mondo a misura d’uomo.
Inverare il comandamento di Gesù che recita: “Ama il tuo prossimo come te stesso”, è l’obiettivo desiderato. È la sfida dell’uomo nuovo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.