23.1 C
Comune di Caselle Torinese
giovedì, Luglio 25, 2024

    Una spremuta di…Consapevolezza

    Difficile, per chi ha meno di cinquant’anni, ricordare l’unico vero successo musicale di Denny Zager e Rick Evans, “In the Year 2525”, e forse ancor meno pensare alla traduzione italiana cantata da Dalida e Caterina Caselli, “Nel 2023”. Già, proprio così: “Nel Duemilaventitre”!
    Una delle canzoni meno ottimistiche fra quante hanno raggiunto la vetta delle classifiche di tutti i tempi: il senso del testo è che ci si chiede se l’umanità sarà ancora al mondo nell’anno ricordato nel titolo (e nel caso lo fosse, se ne varrà la pena…).
    Il titolo completo del brano è “In the Year 2525 (Exordium & Terminus)”, ed è stato l’unico successo (ma è stato un grande successo) dei due cantautori nativi del Nebraska; Evans scrisse la canzone nel 1964, i due la registrarono nel 1968, la pubblicarono per una etichetta indipendente – la Truth Records – e poi il brano, che aveva cominciato a girare sulle radio del Texas, fu acquisito e ristampato dalla RCA nel 1969. Entrò nelle classifiche al numero 95 il 21 giugno 1969, e il 12 luglio era al numero uno, superando i successi del momento di Beatles, Elvis Presley e Stevie Wonder: abbastanza simbolicamente, era in testa alle classifiche mentre Neil Armstrong camminava sulla Luna.
    La melodia, così mi ricordo, incuteva già di per sé un senso di profondo disagio, prospettando scenari in qualche modo apocalittici… di un mondo, quello del 2023, così inimmaginabile in quel fine anni Sessanta, che cercava disperatamente di materializzarsi nella nostra mente sotto le spoglie di un cocktail impalpabile di speranze e angosce.
    In qualche modo le parole stesse, anche se incomprensibili in lingua originale, rimandavano a immagini più preoccupanti che piacevoli.
    La traduzione, poi, lasciava pochi dubbi sul nostro futuro, per quei giorni, in verità così lontano.
    “Nell’anno 2023
    se l’uomo sarà ancora vivo
    se la donna potrà sopravvivere
    forse si troveranno…
    Nell’anno 3023
    non avrai bisogno
    di dire la verità, o dire bugie
    tutto ciò che penserai, farai o dirai
    sarà nella pillola che prenderai ogni giorno
    Nell’anno 4023
    non avrai bisogno dei denti
    né degli occhi
    non troverai niente da masticare
    e nessuno ti guarderà
    Nell’anno 5023
    le tue braccia penderanno flosce ai fianchi
    le tue gambe non avranno nulla da fare
    qualche macchina lo farà per te
    Nell’anno 6023
    non avrai bisogno di un marito
    o di una moglie
    prenderai tuo figlio
    e anche tua figlia
    dal fondo di un lungo tubo di vetro
    Nell’anno 7023
    se verrà Dio, potrebbe farlo allora
    forse si guarderà attorno e dirà
    “Credo sia tempo per il Giorno del Giudizio”
    Nell’anno 8023
    Dio scuoterà la sua testa possente
    potrà dire “mi piace il luogo
    in cui l’uomo è stato”
    oppure lo distruggerà e comincerà da capo
    Nell’anno 9093
    mi chiedo se l’uomo, se esisterà ancora
    avrà preso tutto ciò
    che questa vecchia terra offre
    senza restituire nulla
    Ora sono passati 10.000 anni
    l’uomo ha pianto un miliardo di lacrime
    senza nemmeno saperne la ragione
    ora il regno dell’uomo è finito
    ma nella notte eterna
    il brillio di una stella
    così lontano
    forse è solo ieri
    Nell’anno 2023
    se l’uomo sarà ancora vivo
    se la donna potrà sopravvivere
    forse si troveranno…”.
    Già, se l’uomo sarà ancora vivo…
    Beh, all’alba del primo gennaio 2023, in effetti circa 8 miliardi di uomini sono ancora vivi, ma forse ci dovremmo chiedere come vivono…
    Diciamo che non ci facciamo mancare nulla, spassandocela decisamente bene:
    guerre, crisi economica, pandemie, tracollo energetico, povertà diffusa, disparità sociale ai massimi storici, razzismo dilagante, femminicidi, analfabetismo funzionale, inquinamento, surriscaldamento globale…
    E vi assicuro che mi sto soffermando solo sulle evidenze più eclatanti.
    Capisco che non è bello iniziare un anno con queste considerazioni, ma è ancor più brutto constatare che dopo più di 50 anni siamo riusciti a fare peggio dello scenario profetico di un 45 giri da hit parade. Non so se a qualcuno verrà in mente di scrivere il sequel della canzone, delineando scenari futuristici targati 2073 (fare peggio di oggi c’è sempre tempo), ma una piccola certezza ce l’ho.
    Per provare a fare un pochino meglio dobbiamo, una volta per tutte, toglierci le mitiche fette di salame dagli occhi e cavare i tappi dalle orecchie, solo così potremo provare a cogliere l’unica potenzialità in grado di farci uscire da questa spirale autodistruttiva: la consapevolezza.
    Quella cosa che, con maestria, spesso mettiamo sotto il tappeto dell’ ipocrisia, del perbenismo e dell’egoismo prêt à porter.
    Questo è il link per ascoltare il brano di Zager ed Evans:

    Tre minuti, da questo momento, per guardare la realtà con occhi diversi.
    Buon 2023…

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    21.9 ° C
    22.9 °
    20.5 °
    83 %
    2.6kmh
    64 %
    Gio
    28 °
    Ven
    28 °
    Sab
    30 °
    Dom
    32 °
    Lun
    27 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Sulla strada 2024

    0
    Good morning Cose Nostre! Il titolo del pezzo non si riferisce al lavoro notturno di certe signorine, ma alle vacanze in moto che per fortuna...