15.8 C
Comune di Caselle Torinese
lunedì, Giugno 17, 2024

    Dal 1980, Ceretta Insieme

    L’appuntamento è per le 21, a Ceretta in Via alla Parrocchia 36, a un tiro di schioppo dal confine comunale di Caselle.  Ci arriviamo, nel bel mezzo di un forte acquazzone, in quello che è il centro storico di Ceretta, con la sua centenaria chiesa, le scuole, la piazza, dove al sabato mattina si svolge un fiorente mercato. A ridosso della piazza del mercato, la nostra meta: un basso fabbricato, con un’elegante insegna a pittura murale dove si legge: “1980 – Gruppo Ricreativo Culturale”, al centro il logo, “Ceretta Insieme”. Ad attenderci all’ingresso il segretario Giuliano Gravili, con tutta la sua carica di simpatia salentina. Giuliano ci presenta il Presidente Claudio Garbolino, il Vicepresidente Oscar Valpreda, e, memoria storica del sodalizio, Claudia Brunero, cerettese doc, “nata in casa, qui a Ceretta”  che comincia a raccontare: “Era il lontano 1975 e un gruppo di persone cerettesi, fra cui la sottoscritta, decisero di dare vita per la gioia dei bambini all’allestimento di carri allegorici a carnevale”. Nel 1980 questo gruppo di persone decidono di fondare una associazione che nell’ottobre del 1984 regolarizzeranno con atto notarile e chiameranno “Ceretta Insieme”. “Allora non avevamo una sede – prosegue Claudia – e svolgevamo tutte le manifestazioni alla Rosa Bianca, che ci ospitava. A carnevale eravamo sempre molto attivi, ed abbiamo inventato le nostre maschere locali: Casinè e la Bela Casinera. Poi non potevamo mancare di festeggiare il Natale. Eccoci allora impegnati a dare corpo alla festa più bella dell’anno con i bambini, sempre alla Rosa Bianca, ma anche a portare i panettoni agli ultraottantenni casa per casa. Intanto si sentiva sempre più la necessità di avere una sede propria. Allora, previa richiesta di concessione di costruzione su un terreno comunale, nel 1986 i volontari di “Ceretta Insieme” si misero picco e pala, cazzuola e mattoni, a dare forma all’attuale edificio che ci ospita”. Con la nuova sede, ecco che le attività si implementano e nel ‘93 viene fondata una squadra di calcio che giocava su un campo a fianco che, purtroppo, poi è stato sacrificato al cemento. Attività ludiche e culturali si sono succedute negli anni: importante la grande partecipazione di Nilla Pizza ad un concerto nel 1990, nel ‘91 il famoso cabarettista Marco Carena, e nel ’94, organizzato dall’attuale Presidente Garbolino, il raduno delle “Regine dei rally”. In tempi più recenti, nel 2003, ebbe grande successo la Festa della Birra e dal 2008 al 2011, grande impegno ad organizzare il Presepe Vivente la sera del 24 dicembre. Nel 2011 altro passo importante, quando il notaio certifica la nascita della “Pro Loco Ceretta Insieme”. Venendo agli anni più recenti, come non citare l’organizzazione della festa degli agricoltori di Sant’Antonio e il festival musicale “Country festival”, che – come sottolinea il segretario Giuliano –  ha attirato moltissimi spettatori anche dall’estero, e infine il “mercatino pazzerello Portobello, dove trovi questo e quello”.
    Tanta volontà e tanta dedizione, ci racconta ancora Claudia, senza alcun ritorno economico, anzi, sovente quando i conti ce lo permettevano, elargivamo alla Parrocchia o altri Enti il ricavato. Purtroppo, sottolinea ancora Claudia congedandoci: “mancano giovani ricambi”, affermazione più che condivisibile ed a valere per tutto il mondo associativo e del volontariato.
    Ma noi sappiamo guardare sempre il bicchiere mezzo pieno e mai mezzo vuoto. Frattanto il Presidente Garbolino, il suo vice Valpreda, il segretario Gravili, il tesoriere Bonarda e i consiglieri Barra, Salvino, Aimo Boot, Corgiat, Balma, Oneglio, Brachini, Dal Bianco, Fiorito, Greco, insieme ai revisori dei conti: Brunero, Castagno e Chiogna, non si perdono d’animo e ci aspettano alle loro manifestazioni, fiduciosi che il ricambio ci sarà. Diamo tempo al tempo.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Mauro Giordano
    Mauro Giordano
    Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    cielo sereno
    18.1 ° C
    20.6 °
    16.2 °
    77 %
    1kmh
    0 %
    Lun
    24 °
    Mar
    25 °
    Mer
    29 °
    Gio
    29 °
    Ven
    23 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Fino a quando

    0
    La parte finale di una poesia di Trilussa è lì a ricordarcelo: in fondo la felicità è una piccola cosa. È che non c'è...

    Voglia di vendetta