19.4 C
Comune di Caselle Torinese
sabato, Luglio 13, 2024

    A Natale puoi…

     

    Si respira un clima strano a Caselle. lo abbiamo già rilevato più volte. Si è passati da feroci critiche contro la precedente amministrazione al non poter più dire nulla sull’attuale, pena l’esclusione dai giri che contano, oltre alle varie difese d’ufficio sempre più violente che si vedono sui social.

    Gli Ateniesi, di ben altra levatura filosofica e politica rispetto ai casellesi, definivano questo processo come ostracismo.

    L’ostracismo era il ”Bando che colpiva, nell’antica Atene e nelle città che ne imitavano la costituzione, il cittadino ritenuto pericoloso per la sicurezza dello stato; detto così dal frammento di terracotta ( óstrakon ) sul quale il nome del concittadino inviso veniva scritto da coloro che votavano nell’assemblea popolare.”

    Ecco, purtroppo però Caselle non è la nuova Atene, innanzitutto perché le rovine della vecchia stazione, su cui è stato steso un pietoso velo, non sono paragonabili al Partenone. E soprattutto perché il calibro delle personalità in campo non è lo stesso.

    Ma è proprio la caratura diversa a creare il clima particolare. Chi non agisce secondo la linea dettata dall’alto viene ostracizzato, ridicolizzato, escluso, insultato. Non pare una cosa normale. Si va solo nei negozi “consigliati” e si devono evitare con cura gli altri. Anzi, ancora meglio ,si deve gettare fango su di essi. Ed è solo un esempio che mi è stato segnalato, che vale per diversi campi della vita casellese. Ovviamente tutti quelli che fanno questo tipo di segnalazioni chiedono di rimanere anonimi. Hanno paura. E questo mette ancora più inquietudine. La paura che pervade una cittadina non è mai un buon segno. Il sentirsi insicuri nell’esprimere una normale opinione è un bruttissimo segno.

    Anche il Natale casellese è stato utilizzato per autoaffermazione del singolo e non come festa collettiva di nascita e di allegria. Sono stati spesi comunque una buona decina di migliaia di euro: solo gli alberi di Natale in piazza sono costati più di 2000 euro (se non ci credete, cercate la delibera di giunta). E cosa abbiamo ottenuto? Il fantomatico risparmio? Boh. Di sicuro un bel viola funereo che caratterizza bene il nostro paese e procura sorrisetti ai comuni limitrofi illuminati come al solito. Altre città hanno invece deciso di investire ancora di più rispetto agli anni passati, proprio per attirare maggiormente le persone.

    Attendiamo pertanto con ansia di sapere se il nostro è stato un Natale da Favola, oppure un Natale da… Fava.

    Per quel riguarda invece la vita amministrativa, stiamo assistendo ad un processo curioso. Le opere che vengono eseguite (marciapiedi, piccole asfaltature) appartengono ancora a quanto deliberato dalla precedente amministrazione. Quella nuova in sei mesi non ha fatto vedere nulla di veramente significativo. Attendiamo il nuovo anno, quindi. Purtroppo con il viola ad accompagnarci, che non è proprio un colore di buon auspicio.

    Auguri lo stesso, Caselle. Ne hai bisogno.

    Dott. Andrea Fontana

    Caselle Futura

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    18.4 ° C
    19.8 °
    16.8 °
    88 %
    4.1kmh
    75 %
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    30 °
    Mer
    30 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi