25.4 C
Comune di Caselle Torinese
venerdì, Luglio 12, 2024

    My generation


    Non ho memoria di quando sentii per la prima volta classificare le generazioni con lettere dell’alfabeto o descrizioni;  ricordo che andai  a curiosare a quale di queste appartenessi: sono un “boomer”. All’epoca un “baby boomer”. Insomma nato nel pieno di una esplosione demografica oggi impossibile da replicare, durante la quale i nostri genitori avevano sicuramente poco, ma quel poco era basato su solide basi: lavoro, speranze per il futuro e una visione a lungo termine più serena e comunque un approccio alla vita quotidiana più semplice, meno normata, senza troppe classificazioni. E nascevamo noi. Tanti.
    Negli anni l’essere boomer è diventato sinonimo di chi non è più al passo con i tempi e non comprende o non riesce ad utilizzare le nuove tecnologie, un vecchio insomma: quante volte abbiamo chiesto ai figli se non ai nipoti, magari frettolosi e spazientiti di aiutarci a “scaricare un file”, o a fare l’ “up grade” di una applicazione.
    Quanti inglesismi o acronimi: più brevi, immediati, in linea con la velocità che i tempi odierni impongono.
    Ecco, dalla generazione boomer a quella attuale, la generazione Alpha, tutto è stato velocizzato in maniera esponenziale, tutto è fruibile nel tempo di un clic, di qualunque cosa si tratti: un acquisto, una spesa, un amico, una ricerca a scuola, una canzone.
    È subito tutto qui, senza sforzo, addirittura basta dirlo mentre guardi sospettoso Alexa che ti propone trapani tassellatori solo perché ieri ne parlavi in casa.
    È diventato tutto così a portata di mano che il gusto della ricerca di un qualcosa, di qualsiasi cosa, è stato azzerato.
    E con questo anche la soddisfazione, un vago compiacimento, il piacere dell’aver risolto un problema senza l’ausilio dell’intelligenza artificiale così amata dai più.
    Forse sono spariti anche i sorrisi, e sicuramente i contatti umani, il semplice gesto di suonare un citofono e dire: “Sono io!”, l’abbraccio.
    Esagero probabilmente, ma una buona percentuale di tutto questo è scomparsa, ed i risultati negativi di questo vivere “smart” si vedono soprattutto sui giovani, in particolar modo nelle generazioni Z e Alpha. Mezzo milione di studenti che ricorre agli psicofarmaci  e non solo, magari a poco prezzo e ingeriti con un po’ di alcool per colmare il nulla, l’abisso delle ore passate sui social a cercare un appiglio per uscire dalla depressione, o dall’incertezza.
    Spesso tutto questo si consuma, si subisce sul cellulare, nemmeno un PC o un portatile, ma su uno strumento pratico, leggero, da poter utilizzare al buio della propria stanzetta buttati sul letto e isolati dal mondo a scrollare pagine e pagine senza fine, scollati dal tempo che passa inesorabilmente vuoto.
    Il mix di abuso di internet in tutte le sue forme, solitamente le più pericolose, e di alcool, droghe, psicofarmaci, di genitori insicuri e fragili anch’essi che vedono i propri ragazzi solo a cena, svogliati, silenziosi, è l’insieme di fattori che ha contribuito a perdere parte di una generazione.
    Rimuoviamo i loro ostacoli in anticipo, quasi non esistessero: dal voto sotto al quale non si può scendere, alla promozione facile se non certa, e pochi “no”, pochi “questo non si può”, e così via.
    Li abbiamo resi insicuri togliendo loro anche la più piccola asperità, spazzando davanti a loro qualunque cosa li possa turbare, senza confronti con qualcuno, se non l’ormai onnipresente psicologo: una categoria in continua espansione; e non solo per i ragazzi.
    Deboli da non reggere l’idea di un fallimento, che per loro natura dovranno affrontare: un lutto, una delusione, un insuccesso, la fine di un amore.
    Il discorso è generico, intendiamoci, ma è una realtà che dilaga sempre più. Gli abbiamo caricato sulle spalle un mondo malato e giornate frenetiche per tenerli occupati e mezzi per comunicare da fermi, al chiuso. I più grandi hanno un vuoto dentro ed una gran paura del futuro,  senza capire ciò che desiderano, inascoltati, confusi, genitori compresi i quali dovrebbero (se possibile) cogliere i segni del disagio.
    E sicuramente questo non è un Paese per giovani.
    Nell’attesa inerte della prossima pastiglia, della prossima bottiglia, dell’ennesimo colloquio con uno medico sconosciuto, saranno sempre più disillusi.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Luciano Simonetti
    Luciano Simonetti
    Sono Luciano Simonetti, impiegato presso una azienda facente parte di un gruppo americano. Abito a Caselle Torinese e nacqui a Torino nel 1959. Adoro scrivere, pur non sapendolo fare, e ammiro con una punta di invidia coloro che hanno fatto della scrittura un mestiere. Lavoro a parte, nel tempo libero da impegni vari, amo inforcare la bici, camminare, almeno fin quando le articolazioni non mi fanno ricordare l’età. Ascolto molta musica, di tutti i generi, anche se la mia preferita è quella nata nel periodo ‘60, ’70, brodo primordiale di meraviglie immortali. Quando all’inizio del 2016 mi fu proposta la collaborazione con COSE NOSTRE, mi sono tremati i polsi: così ho iniziato a mettere per iscritto i miei piccoli pensieri. Scrivere è un esercizio che mi rilassa, una sorta di terapia per comunicare o semplicemente ricordare.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    temporale
    25.8 ° C
    27.6 °
    23.6 °
    70 %
    5.7kmh
    40 %
    Ven
    26 °
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    31 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi