Caselle è balzata al disonore della cronaca per la bravata di tre ragazzi, due 18enni e uno di 17 anni, che non hanno trovato niente di meglio da fare che danneggiare il camper del Cardioteam parcheggiato in piazza Boschiassi.  I danni  procurati al  mezzo ammonterebbero a parecchie migliaia di euro. Mezzo  che tra il 6 settembre e l’11 ottobre  è servito per poter eseguire circa 300 visite gratuite  dedicate alla prevenzione dell’aneurisma dell’aorta.

I tre ragazzi sono stati così malaccorti da riprendere e postare con un video sui social la loro impresa, rendendosi così facilmente riconoscibili e rintracciabili dalle forze dell’ordine.

Condotti  nella  stazione dei carabinieri, i giovani hanno candidamente confessato il gesto, giustificandolo come “una sfida”, “un atto di coraggio”.

Viva disapprovazione da parte del sindaco Baracco, il quale non solo ha stigmatizzato, dolendosi, l’accaduto, ma  ha affermato con forza come questi episodi non possano e non vadano assolutamente tollerati.

 
Articolo precedenteCaselle, intitolato a Teresa Noce il Palatenda
Articolo successivoCeretta, porte aperte alla musica
Elis Calegari
Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre ( quando si dice il caso…) del 1952. Ha contribuito a fondare Cose Nostre, firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato anche collaboratore di presdtigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis”, seguendo per più di un decennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”. Attualmente è anche direttore responsabile di “0/15 Tennis Magazine”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.