4.6 C
Comune di Caselle Torinese
domenica, Febbraio 25, 2024
HomeRUBRICHEARCHEO-NOIR

ARCHEO-NOIR

Il massacro di Villarbasse – Prima puntata

Oggi, il termine massacro purtroppo si usa spesso, anche in ragione del fatto che le carneficine sono ormai quasi all’ordine del giorno, in particolare da quando gli atti terroristici sono diventati tristemente attuali. Il fatto drammatico è costituito dalla consapevolezza che l’ascesa della violenza sembrerebbe inarrestabile, diventata quasi un fatto...

L’omicidio dell’ingegner Erio Codecà – Quarta e ultima puntata

A.C e M.V., per motivi rimasti oscuri, dissero di essere mossi da un notevole astio nei confronti dell’indagato e quindi, dopo ad aver denunciato il Faletto e dato inizio alle indagini che a qual punto languivano, accettarono di collaborare con gli inquirenti per incastrarlo. Venne così organizzata una trappola con...

L’omicidio dell’ingegner Erio Codecà

Ormai, le indagini erano indirizzate nell’area politica estrema, nella quale militavano personaggi già noti alle forze dell’ordine per i loro trascorsi criminali, spesso lontani dalla dimensione ideologica autentica. Regnava una certa omertà per vari motivi: c’era chi temeva la ritorsione e chi era sempre disposto a concedere attenuanti poiché si...

L’omicidio dell’Ingegner Erio Codecà

Seconda puntata Le prime persone ad accorrere trovarono il corpo dell’ingegnere disteso perpendicolarmente alla sua auto, con la porta socchiusa; nell’interno, su sedile anteriore sinistro, il cane. La vittima aveva aperto la portiera dell’auto, quindi intendeva allontanarsi? Forse nel suo interno vi era qualcosa che voleva prendere? Qualcosa che fu sottratto...

L’omicidio dell’ingegner Erio Codecà

/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:10.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; ...

Lavoratori piemontesi sospettati del furto della Gioconda

  Il 21 agosto 1911 “La Gioconda” venne rubata dalla sua sede al Louvre da un italiano, Vincenzo Peruggia, che faceva parte delle maestranze impegnate a diverso titolo nella manutenzione e restauro del museo parigino. Per due anni l’intraprendente Peruggia riuscì a nascondere la preziosa tavola nella stanza dove alloggiava...

Quando c’erano i briganti…

… scorrono pur troppo di nuovo bande armate di malfattori, in varie parti dello Stato si commettono omicidi, furti e barbare azioni C’è un aspetto poco noto della criminalità cittadina del XIX secolo: quella legata ai cosiddetti "briganti”. Torino fu interessata da una serie di azioni di questi criminali: certo...

STRANGOLATA AL VALENTINO

Che cosa spinge un criminale ad infierire sul cadavere della sua vittima? Molte le interpretazioni, le ipotesi, le teorie. Oggi la psichiatria e la criminologia hanno l’opportunità di capire molte cose del modo in cui un assassino opera sul corpo di chi ha ucciso: attraverso il criminal profiling, ma non...

Preti e magia nera

Leggi la prima parte Il mese passato abbiamo rivolto la nostra attenzione in direzione di alcuni preti che nei secoli andati ebbero alcune noie con la legge per il loro comportamento non proprio cristiano, sia sul piano etico che su quello giuridico. In questa occasione spostiamo l’angolo di osservazione, pur continuando...

Preti e criminali

Il prete è, prima di tutto, un essere umano: quindi una creatura non perfetta, che dovrebbe comunque, per quanto consentito dalla nostra natura, cercare di avvicinarsi il più possibile alla condizione di armonia con la dimensione spirituale. Per farlo deve saper rinunciare a tutta una serie di riferimenti materiali...

Ettore Grande: Diplomatico uxoricida?

Ettore Grande venne accusato di aver ucciso la moglie, Vincenzina Virando: un omicidio di cui non vi fu alcuna avvisaglia e quindi doppiamente misterioso. Un mistero che certo fu avvertito anche dai giudici, visto che dal primo processo all’ultimo trascorsero cinque anni (1941-1946). Ma per conoscere meglio la vicenda dobbiamo...

Fattucchiere e crimini religiosi

Leggi la prima parte della storia Oltre alle ingiurie di carattere personale e sociale, nel Piemonte medievale, come abbiamo visto nella puntata precedente, sono presenti anche insulti riferibili all’ambito dell’eresia, stregoneria e magia. Spesso però non è facile comprendere con precisione l’effettivo significato di tali insulti; può essere complicato comprendere...

Fattucchiere e crimini religiosi

Nei primi anni del XV secolo, quando ancora l'accusa di fattucchieria poteva essere risolta con una semplice multa, la mancanza del pagamento comportava sanzioni piuttosto pesanti. Gli Statuti di San Giorgio, nel 1422, punivano con una multa di 50 lire le fattucchiere, chi non era in  grado di pagare...

Gli strani fratelli Cogo

 Leggi la prima parte della storia Osservando la scena del delitto, gli investigatori scoprirono che Rita Bordoni aveva una manica del suo maglione impigliata sotto il piede della stufa: un particolare anomalo per una donna che avrebbe dovuto cadere morta a seguito di asfissia… E poi come considerare la mancanza di...

Gli strani fratelli Cogo

“L’appartamento del delitto non si appigiona”… Questo il testo del singolare cartello posto sul portone dello stabile di via Nizza 9, nel maggio 1924, all’indomani di un processo che aveva fatto molto discutere i torinesi. In quella casa erano state uccise due donne: un brutto fatto di cronaca nera...