22 C
Comune di Caselle Torinese
venerdì, Luglio 12, 2024

    Colore, ancora colore!

    Una mostra dedicata a Roberto De Wan

    Nel salone della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino ( P.za C. Alberto ) è stata inaugurata la mostra di Roberto De Wan; il completo e ricco catalogo è introdotto da Angelo Mistrangelo che annota come poco a poco “prende forma e contenuti una scrittura impetuosa e creativa”.
    La presentazione si completa con un testo di Barbara Ronchi della Rocca che ama i lavori di De Wan “pieni di facce inquiete, di rimandi simbolici”,
    e con il saluto di Guglielmo Bartoletti e di Franco Cravarezza.
    Una delle sezioni presenta l’opera Struttura ( 2021, con Alessandro Russo ), acrilico che potrebbe derivare da un paesaggio fissato nella memoria. Ma di paesaggio vero e proprio occorre parlare a proposito delle opere Marina e Cielo e mare, per giungere infine a Cap Ferrat ( 2018 ), paesaggio architettonico dominato dai pini della Còte d’Azur e da un
    ” Ritratto collettivo” caratterizzato da sguardi misteriosi e talvolta interrogativi.
    Ritornando all’opera Marina, l’olio è contraddistinto da vivaci susseguirsi cromatici che sfociano in un brandello rosso spento mentre “Cielo e Mare” è un olio giocato sui toni di azzurro e di verde riflessi nelle acque del mare che s’infrangono a riva.
    L’ultima sezione s’intitola Ricordi e qui i rimandi al passato – specie all’arte francese – maggiormente si evidenziano, dagli sguardi agli atteggiamenti, ai pesci, alle nature morte ai profili scuri dipinti attorno all’immagine principale sino alla presenza di aerei in volo.
    Il curatore – bene ha fatto – ha qui raccolto il mondo degli affetti, ad esempio, con i protagonisti de La famiglia necessariamente ambientata a Milano oppure con il ritratto di Leo isolato fra simboli e memorie.
    Entrando nella sala espositiva, la prima impressione che il visitatore riceve è quella di essere avvolto in un susseguirsi di cromìe, di sogni giunti da lontano, di rossi che sfociano ora nel rosa, ora nell’aranciato. Statuari sono i custodi della Vallée des Merveilles, opera caratterizzata dal latrare dei cani in corsa; misteriosa la protagonista della tela Mythos, facilmente individuabile il sorriso di Bocca di rosa che forse “poneva l’amore sopra ogni cosa”; un bel ritratto evocante anni lontani.
    Nel milanese Luna park perché i pesci sono verdi e un classico ritratto fuoriesce dall’acqua? Simona Fornelli infine ha un cuore grande la cui realtà trova felice riferimento nello sguardo profondo e nell’allusiva presenza di una coppia di volatili.
    L’opera Melograno accomuna molti particolari ma è soprattutto gradevole “l’interno”
    ( se vogliamo, riferito al mondo di Riccardo Gualino ) con arredi, oggetti, lampade e un geometrico tappeto.
    Le opere Susy e A teatro concludono una rassegna ricca di fantasie, di sedimentate memorie, di strutture e astrazioni.
    Roberto De Wan vive a Milano, Monaco, Parigi e Londra, anche a Torino s’immagina, ed è Amministratore Delegato della Società De Wan, docente di Sociologia della Moda, ospite in trasmissioni televisive ( Porta a Porta, Uno mattina ); nelle Collezioni Vaticane è ospitata l’opera Fidéle.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    20.8 ° C
    22.5 °
    19.8 °
    88 %
    2.6kmh
    40 %
    Ven
    21 °
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    31 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi