Nel salone della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino ( P.za C. Alberto ) è stata inaugurata la mostra di Roberto De Wan; il completo e ricco catalogo è introdotto da Angelo Mistrangelo che annota come poco a poco “prende forma e contenuti una scrittura impetuosa e creativa”.
La presentazione si completa con un testo di Barbara Ronchi della Rocca che ama i lavori di De Wan “pieni di facce inquiete, di rimandi simbolici”,
e con il saluto di Guglielmo Bartoletti e di Franco Cravarezza.
Una delle sezioni presenta l’opera Struttura ( 2021, con Alessandro Russo ), acrilico che potrebbe derivare da un paesaggio fissato nella memoria. Ma di paesaggio vero e proprio occorre parlare a proposito delle opere Marina e Cielo e mare, per giungere infine a Cap Ferrat ( 2018 ), paesaggio architettonico dominato dai pini della Còte d’Azur e da un
” Ritratto collettivo” caratterizzato da sguardi misteriosi e talvolta interrogativi.
Ritornando all’opera Marina, l’olio è contraddistinto da vivaci susseguirsi cromatici che sfociano in un brandello rosso spento mentre “Cielo e Mare” è un olio giocato sui toni di azzurro e di verde riflessi nelle acque del mare che s’infrangono a riva.
L’ultima sezione s’intitola Ricordi e qui i rimandi al passato – specie all’arte francese – maggiormente si evidenziano, dagli sguardi agli atteggiamenti, ai pesci, alle nature morte ai profili scuri dipinti attorno all’immagine principale sino alla presenza di aerei in volo.
Il curatore – bene ha fatto – ha qui raccolto il mondo degli affetti, ad esempio, con i protagonisti de La famiglia necessariamente ambientata a Milano oppure con il ritratto di Leo isolato fra simboli e memorie.
Entrando nella sala espositiva, la prima impressione che il visitatore riceve è quella di essere avvolto in un susseguirsi di cromìe, di sogni giunti da lontano, di rossi che sfociano ora nel rosa, ora nell’aranciato. Statuari sono i custodi della Vallée des Merveilles, opera caratterizzata dal latrare dei cani in corsa; misteriosa la protagonista della tela Mythos, facilmente individuabile il sorriso di Bocca di rosa che forse “poneva l’amore sopra ogni cosa”; un bel ritratto evocante anni lontani.
Nel milanese Luna park perché i pesci sono verdi e un classico ritratto fuoriesce dall’acqua? Simona Fornelli infine ha un cuore grande la cui realtà trova felice riferimento nello sguardo profondo e nell’allusiva presenza di una coppia di volatili.
L’opera Melograno accomuna molti particolari ma è soprattutto gradevole “l’interno”
( se vogliamo, riferito al mondo di Riccardo Gualino ) con arredi, oggetti, lampade e un geometrico tappeto.
Le opere Susy e A teatro concludono una rassegna ricca di fantasie, di sedimentate memorie, di strutture e astrazioni.
Roberto De Wan vive a Milano, Monaco, Parigi e Londra, anche a Torino s’immagina, ed è Amministratore Delegato della Società De Wan, docente di Sociologia della Moda, ospite in trasmissioni televisive ( Porta a Porta, Uno mattina ); nelle Collezioni Vaticane è ospitata l’opera Fidéle.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.