11.2 C
Comune di Caselle Torinese
mercoledì, Febbraio 28, 2024

Bellezza e luce nell’arte di Giovanni Segantini

Il Circolo Svizzero di Torino, in collaborazione con il Circolo degli Artisti, nell’ambito del progetto “Incontri d’arte” ha organizzato un interessante convegno dal titolo “Bellezza e luce nell’arte di Giovanni Segantini”. Al posto di uno storico o critico dell’arte, la relatrice è stata la psicologa psicoterapeuta Anna Piantanida che ha indagato la figura di Giovanni Segantini (Arco 1858 – Monte Schafberg 1899 ) in maniera introspettiva, partendo dall’infanzia, permettendo così di comprendere e di addentrarsi intimamente nelle opere del grande artista.
La dottoressa Piantanida sottolinea che Segantini visse un’ infanzia privata di un ambiente famigliare “sano”: perse la madre a soli sette anni e di conseguenza il padre lo inviò a Milano in custodia dalla sorella Irene, probabilmente anaffettiva, dove visse in maniera chiusa e isolata. Comunque, proprio a Milano, sviluppò la sua prima coscienza artistica, la passione per la pittura, per la luce e il colore, tanto da iscriversi ai corsi serali dell’Accademia di Belle Arti di Brera.
Le opere della fase giovanile, hanno influssi del verismo lombardo, sono vedute milanesi, di piccolo formato, e con Il coro della chiesa di Sant’Antonio emerge un attento studio della luce, tanto da essere notato dalla critica.


Segantini è considerato il capostipite indiscusso del Divisionismo e nel 1886 fu il primo a esplorare il linguaggio dei colori divisi e intendere la pennellata come uno strumento per dare luce, sperimentato per la prima volta nel dipinto Ave Maria a trasbordo.
Nell’opera Alla stanga (realizzata nel 1886 in circa sei mesi a Caglio, in Brianza; poco dopo il pittore si trasferisce con la compagna Bice Bugatti -sorella di Carlo- nei Grigioni, dove rimane sino al 1894 per poi spostarsi in Engadina ) sono già presenti le caratteristiche della poetica della montagna, della natura alpina nella sua imponenza, nella sua luminosità e infinitezza; la natura stessa diventa l’atelier dove far posare i contadini con i loro bovini, studiare i cambiamenti di luce ed avere le Prealpi come sfondo. Occorre sottolineare che l’artista ritrae i contadini, i lavoratori senza alcuna idea di riscossa sociale, pur essendo in un momento storico di grandi cambiamenti, al contrario di quanto denunciato da Pellizza da Volpedo con i suoi dipinti.
La relatrice spiega che per Segantini “l’arte è una disciplina che permette il recupero del materno, è una riparazione e una ricreazione del rapporto madre-bambino” e che il “recupero del materno avviene anche attraverso l’amore infinito per la natura”. Infatti, una tematica assai cara al pittore, ma anche del Decadentismo, fu quella della maternità. Con Le due madri (1889) raggiunse il momento più alto di un Divisionismo naturalistico: è la sola luce, all’interno di una probabile stalla, che crea un’atmosfera intima e quasi esclusiva fra la donna e il suo bambino, fra la mucca e il suo vitellino, dove il comune denominatore è la maternità, esaltata a “tutti i livelli, poiché la natura è considerata madre, con sentimento panteistico”, prosegue Piantanida.
L’artista si volse anche verso tematiche simboliste, con invenzioni allegoriche miste di spiritualismo e misticismo; nei dipinti di questo periodo aggiunse al colore ancora fresco, oro, argento in polvere o foglie spezzate, per ulteriormente catturare la luce esterna, attraverso il luccichio del metallo.
Tra le ultime opere dell’artista è il Trittico dell’Engadina o Trittico della vita, una parte del pindarico padiglione progettato (e non realizzato) per l’Esposizione Universale di Parigi; qui furono esposte solo tre dipinti: La vita, evocata con una maternità, La natura, con una scena dedicata al lavoro dei pastori e La morte, con un funerale in montagna.
Segantini pittore della luce che tende sempre ad innalzarsi, andare verso l’alto:
“tendevo sempre ad innalzarmi: dai colli passi ai monti…fino a che internatomi nelle Alpi dei Grigioni… Fu in questi paesi che fissai più arditamente il sole, che amai i suoi raggi e li volli conquistare; fu qui che più studiai la Natura nelle forme sue più vive e nel colore suo più luminoso…” (G. Segantini, “Autobiografia e scritti sull’arte).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
pioggia leggera
9.9 ° C
11.1 °
9 °
90 %
3.6kmh
75 %
Mer
11 °
Gio
12 °
Ven
9 °
Sab
10 °
Dom
8 °

ULTIMI ARTICOLI

Leini, comune virtuoso con 16 defibrillatori

0
Sabato 24 febbraio un bella cerimonia ha incoronato Leini Comune virtuoso: sono ben 16 i defibrillatori oggi attivi sul territorio comunale, di cui 12...

Senza logica