9.7 C
Comune di Caselle Torinese
mercoledì, Febbraio 28, 2024

Greta e le altre

 

Guardate bene la foto a corredo di questo scritto.
Collage di questo tipo ne girano diversi sui social, da un bel po’.
Soprattutto su Facebook.
Il soggetto è sempre lo stesso, c’è Greta Thunberg da un lato e, accanto, la
foto di un bimbo/a, come in questo caso, che vive in condizioni disumane.
Greta viene di norma effigiata in situazioni di viziata, figlia dell’opulenta
società occidentale, circondata da un gradevole benessere.
Le didascalie sono sempre insultanti verso l’attivista svedese. È presentata
come un’arrivista viziata che nulla ha che fare con le condizioni di vita
delle persone del terzo mondo. Ovviamente, spesso, si sottolinea che dietro
di lei ci sono famelici genitori opportunisti pronti a manovrarla come una
marionetta.
È così? Questa vicenda si presta ad alcune considerazioni. Vediamone
qualcuna.
Greta Thunberg, come tutti noi, ha avuto la fortuna di nascere nel ricco e
opulento occidente. È forse una colpa essere nati in un luogo dove c’è un
benessere diffuso? Ovviamente no. Non è altrettanto una colpa quella di
essere nati in un paese povero. È il caso che ha voluto così.
L’attivista non viene mai, mai, raffigurata quando, da sola e infreddolita,
stava giornate intere davanti al parlamento svedese per attirare l’attenzione
sulla tragedia dei mutamenti climatici: mai. È un caso? Ovviamente no.
Altrimenti tutta l’impalcatura crolla.
Oggi i giovani sono seriamente preoccupati dai cambiamenti
climatici e non solo. A ragione. Greta, e tanti altri giovani, sono i
protagonisti di questo movimento che sta attirando l’attenzione su ciò in
modo diverso e radicale.
Su questo punto il filosofo Galimberti è categorico: “ I giovani vivono il futuro come una minaccia e non come un’opportunità. Sentono che non avranno le stesse chance dei loro genitori, sia in ambito lavorativo che di condizioni di vita.”
Sotto accusa ci sono le politiche dei paesi ricchi insensibili che pensano
solo al potere. Questi ritengono di poter gestire i futuri scenari con piccoli
aggiustamenti. Sono forse preoccupati dagli interessi economici in
pericolo: è questo il nocciolo centrale che fa inviperire molti? A mio
avviso sì.
Per esorcizzare questo vasto movimento molti chiamano questi giovani “gretini”.
Altra considerazione: può questo movimento avere effetti benefici sui
popoli del Terzo Mondo? Un mondo che vive in condizioni disperate.
Altra domanda: chi sono quei popoli, stati industrie ecc. che hanno sempre
sfruttato quella gente con politiche colonialistiche, durate secoli,
foraggiando, anche e non solo, governi corrotti e disponibili? La risposta è
facile: è sempre lo stesso mondo opulento che produce, e ha prodotto, i
disastri ambientali e le disuguaglianze.
Su questo punto bisogna essere chiari: il Terzo Mondo ha sempre avuto un
ruolo marginale nei processi che stanno determinando i mutamenti
climatici.
Avviare un serio processo politico ed economico, che punti ad affrontare
sul serio il nodo dei cambiamenti climatici, non può prescindere da una
seria messa in discussione dei rapporti economici tra paesi ricchi e aree
del mondo povere.
È il nodo centrale: ineludibile.
Ecco dove si salda il rapporto tra i “gretini”, come sprezzantemente
vengono chiamati i seguaci della Thunberg, e i giovani poveri del Terzo
Mondo. Sono interessi convergenti. Non ci sono alternative nel ritenere
prioritarie queste strategie.
Vuoi vedere che proprio questo fa paura? La messa in discussione del
nostro ruolo centrale. Ovvero: il ruolo egemonico e i privilegi di un
mondo che pensa che tutto gli sia dovuto?
Accettare queste sfide è l’unica strada percorribile.
Cominciare a percorrere una strada virtuosa è assolutamente indispensabile
per cominciare a dipanare i tanti nodi aggrovigliati che rischiano di
travolgerci. Non solo ambientali.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
pioggia leggera
9.9 ° C
11.1 °
9 °
90 %
3.6kmh
75 %
Mer
11 °
Gio
12 °
Ven
9 °
Sab
10 °
Dom
8 °

ULTIMI ARTICOLI

Leini, comune virtuoso con 16 defibrillatori

0
Sabato 24 febbraio un bella cerimonia ha incoronato Leini Comune virtuoso: sono ben 16 i defibrillatori oggi attivi sul territorio comunale, di cui 12...

Senza logica