Tanto s’era chiuso male il 2019, col Caselle Calcio malinconicamente adagiato in  zona playout, quanto è cominciato bene il nuovo anno per i rossoneri.

Due i match da commentare: il recupero, giocato sul “sintetico” di Grugliasco, contro l’Esperanza e l’incontro valsusino contro l’Union Bussoleno-Bruzolo, due gare che valevano ben più d’un pezzo di salvezza.

Contro l’Esperanza è arrivata una bella vittoria, per  2 a 1 con reti di Gentile e del solito Tony Le Pera che in soli otto minuti giocati ha segnato ed è riuscito a  ribaltare la partita. Grande anche la prestazione del nostro portiere: Leone ha parato uno dei due rigori fischiatici contro e ha garantito alla nostra squadra la necessaria serenità. I rossoneri di mister Perziano hanno così portato a casa tre punti fondamentali per continuare a sperare.  Da segnalare inoltre l’esordio da titolare del 2002 Riccardo Mulatero, un giovane centravanti di ottime prospettive.

Domenica 12 u.s. è arrivato un buon punto conquistato fuori casa. Contro l’Union Bussoleno-Bruzolo è giunta un’altra bella prestazione dei nostri, che possono lamentare  un gol annullato ed una traversa colpita a portiere battuto da Melillo, autore del gol che ci regalato il pareggio per 1 a 1. C’è ben più di qualcosa da recriminare, ma  va bene così: bisognava invertire la tendenza negativa e abbiamo preso a riuscirci. Ora sarà fondamentale dare continuità ai risultati a cominciare dal prossimo turno, quando nella prima giornata del girone di ritorno saremo ospiti dell’Ivrea Banchette, nostra diretta concorrente nella lotta per la sopravvivenza.

Articolo precedenteDodici postazioni di emergenza sanitaria 118
Articolo successivoCosa è rimasto del Natale?
Elis Calegari
Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre ( quando si dice il caso…) del 1952. Ha contribuito a fondare Cose Nostre, firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato anche collaboratore di presdtigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis”, seguendo per più di un decennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”. Attualmente è anche direttore responsabile di “0/15 Tennis Magazine”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.