Continua la grave emergenza sanitaria coronavirus. Anche con questo articolo desideriamo rinnovare l’invito a tutte ed a tutti ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dalle competenti autorità sanitarie e istituzionali: in particolar modo l’appello è rivolto alla limitazione dei nostri spostamenti allo stretto necessario, solo per motivi di lavoro, di salute o di assoluta urgenza. Una cura per questo temibile virus, l’unica “arma” che abbiamo in nostro possesso, è l’azione volta al rallentamento dell’epidemia attraverso il cambiamento temporaneo delle nostre abitudini di vita: è sicuramente un disagio per ciascuno, ma è un atto di responsabilità nei confronti nostri e di chi ci sta accanto, nell’attesa che venga trovato un vaccino. La vita è il bene più prezioso che abbiamo, ed in questo momento per quanto possa sembrare paradossale, è nelle nostre mani. Siamo consapevoli che l’emergenza che stiamo vivendo a livello globale ha ed avrà delle profonde ricadute anche a livello sociale ed economico: è fondamentale che ciascuna articolazione di governo adotti quanto prima tutte le misure necessarie per garantire, appena sarà possibile, una ripresa forte e solida di tutte le attività produttive, commerciali, professionali, associative, …nessuna esclusa.

Anche l’Unione Europea, progetto di integrazione nel quale fortemente crediamo, deve fare la sua parte in modo coordinato e strutturato: auspichiamo che, anche attraverso questo duro momento che stiamo vivendo, si possa arrivare ad un convinto rilancio di tale progetto in ottica di cooperazione e di solidarietà tra i popoli. È l’ora del “salto di qualità” che sia fedele alla lungimirante intuizione avuta dai “padri fondatori” nel secondo dopoguerra: non è “tornando indietro” che si potrà dare una prospettiva di futuro al Vecchio Continente.

Anche nella nostra Città è stato aperto il COC (Centro Operativo Comunale) per attivare in modo ufficiale il volontariato della Protezione Civile quale ausilio all’Amministrazione ed alla cittadinanza nella gestione dell’emergenza. Molte sono le iniziative di solidarietà e di sostegno che in tanti stanno mettendo in campo: è la rappresentazione migliore di ciò che siamo come comunità e come Paese e le, fortunatamente limitate, sterili polemiche di taluni si perdono nel “mare” di operatività e di concretezza messo in campo in mille modi dalle Istituzioni, dalle Associazioni, da tante realtà pubbliche e private, …a tutti e a ciascuno grazie!

Ricordiamo che in caso di dubbi e in assenza di ragioni di urgenza non bisogna recarsi in Pronto Soccorso, ma chiamare il proprio medico curante o i numeri appositamente indicati per la gestione dell’emergenza: 112 – 1500 – 800192020.

Esprimiamo, infine, la nostra vicinanza a tutti coloro che in questo periodo così complesso stanno portando avanti con fatica sia la gestione dell’emergenza sia la gestione dell’ordinarietà: a partire da medici, infermieri e mondo sanitario, alle Forze dell’Ordine, da coloro che continuano ad erogare i servizi essenziali a coloro che garantiscono la produzione, il trasporto e la distribuzione dei beni di prima necessità, … Insieme ce la faremo!

Ricordiamo che per rimanere aggiornati sulle attività del Circolo del Partito Democratico di Caselle (oltre che delle sue articolazioni metropolitana, regionale e nazionale), del quale la presente lista è espressione, è a disposizione il sito internet del Circolo (http://www.pdcaselle.it/) e la pagina Facebook. Inoltre, la sede del Circolo in via Cravero è aperta ai cittadini per raccogliere proposte e suggerimenti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.