Guai giudiziari in vista per le aree Ata?

Come trapelato da più parti nell’ambito degli uffici comunali, e come confermato da fonte autorevole, nell’ultima settimana di ottobre vi è stata un’ispezione presso il Comune di Caselle da parte degli uomini della Guardia di Finanza. I militari avrebbero effettuato un sopralluogo, durato diverse ore, al fine di acquisire documenti sulle aree Ata. Non è dato sapere se vi sia un procedimento in corso, ma a quanto si apprende sarebbe stata la Procura della Repubblica ad inviare i Finanzieri a Caselle.

Sulla vicenda Sindaco ed  Amministrazione pare vogliano mantenere il più stretto riserbo.

Il Sindaco, interpellato sulla vicenda, conferma che  i Finanzieri hanno acquisito numerosi documenti riguardanti il futuro centro commerciale, e che ne acquisiranno ancora.

Sul futuro già incerto delle Aree Ata si addensano ulteriori e cupe nubi.

Ho dato un taglio volutamente più “giornalistico” alla prima parte di questo articolo, che sto scrivendo il 5 novembre, proprio per dare il più possibile informazioni corrette a chi legge, considerando anche il fatto che nessun giornale ha dato la notizia.

Ora passiamo alla parte più “politica”, visto che sono amministratore di questa Città e ci tengo che ci sia la più totale trasparenza.

Come già più volte ribadito, per quanto in Giunta tentino ogni volta di metterci una pezza, le aree Ata non vedranno la luce in tempi brevi come vogliono farci credere. Ora si aggiunge questa vicenda giudiziaria dai contorni ancora da definire. Ma perché tenere tutto nascosto? Come mai in Amministrazione non hanno divulgato ufficialmente la notizia della visita da parte dei Finanzieri? Questo atteggiamento non fa che destare ulteriori sospetti. Il Sindaco ora, come al solito, verrà immediatamente intervistato al fine di minimizzare la notizia, dicendo che si tratta di normale routine, di un normale controllo;  è evidente però che c’è qualcosa di più dietro a tutta questa vicenda. Staremo a vedere: come opposizione interrogherò la maggioranza appena sarà possibile. Mi sarebbe piaciuto che però almeno i Consiglieri comunali fossero informati dei fatti, ma purtroppo questo non avviene mai. Altro che collaborazione e trasparenza.

Nel frattempo siamo ripiombati in  quarantena, con forti limitazioni ad attività e persone.

La notizia è che non ne usciremo migliori, anzi. Dall’ultima volta ne siamo usciti peggiori e con le ossa rotte, ed anche stavolta sarà così. È inevitabile. Cercano oltretutto di scaricare sui cittadini le colpe di un virus che stanno altrove. Ci promettono fantomatici vaccini che chiunque abbia un minimo di nozioni di medicina sa che è impossibile fornire un vaccino efficace contro un coronavirus in così poco tempo. E invece dovevano organizzarsi prima e meglio. Un po’ di tempo c’è stato ma hanno preferito investire su monopattini e banchi a rotelle, invece di potenziare una sanità che negli scorsi anni è stata massacrata dai tagli.

Ora siamo qui e non ci resta che attendere che passi. Il virus passerà, ma ci vorrà tempo.

Dott. Andrea Fontana

Caselle Futura

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.