“Qualsiasi cosa tu faccia sarà insignificante, ma è importante che tu la faccia”, Mahatma Ghandi

Questo mese ritorniamo in Kazakistan, dopo Almaty e Tamgaly (Cose Nostre luglio 2019) andiamo a visitare quella che è stata dichiarata la “Capitale spirituale del mondo turco”.
Hazrat o Turkestan, conosciuta come Turkistan, è una città di oltre 160.000 abitanti e il centro amministrativo della omonima regione in Kazakistan, vicino al fiume Syr Darya. Il bene storico e culturale più importante è il Mausoleo di Khoja Ahmed Yassawi, patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Turkistan è una delle città storiche del Kazakistan con reperti archeologici risalenti al IV secolo. Divenne un centro commerciale dopo la scomparsa definitiva di Otrar, la città medievale le cui rovine si trovano vicino alla città. Durante il periodo medievale era conosciuta come Iasy o Shavgar e dal XVI secolo come Turkistan o Hazrat, entrambi nomi che derivano dal titolo “Hazrate Turkistan”, che letteralmente significa “il Santo del Turkistan” e si riferisce a Khoja Ahmed Yassawi, lo sceicco sufi che visse qui durante l’XI secolo d.C. e che è sepolto nella città. A causa della sua influenza e in sua memoria la città divenne un importante centro di spiritualità e di apprendimento islamico per i popoli delle steppe kazake. Nel 1389, il signore della guerra turco-mongola e fondatore della dinastia timuride Timur, da noi conosciuto come Tamerlano, eresse una cupola sulla sua tomba, che rimane il monumento architettonico più significativo del Kazakistan. Altri importanti siti storici della città includono un bagno medievale e altri quattro mausolei, uno dedicato alla nipote di Timur e tre ai khan (regnanti) kazaki.
La città attira migliaia di pellegrini: secondo una tradizione regionale, tre pellegrinaggi in questa città equivalgono ad un pellegrinaggio alla Mecca. Il santo era tenuto in tale riverenza che la città era conosciuta come la Seconda Mecca d’Oriente, una visione che ha contribuito a plasmare l’identità spirituale dei musulmani in Kazakistan.
Il Mausoleo di Khoja Ahmed Yassawi venne edificato tra il 1389 e il 1405. La sua costruzione fu interrotta nel 1405, con la morte di Timur, e non fu mai completata.
A pianta rettangolare e alto 38 metri, il mausoleo è uno degli esempi più grandi e meglio conservati di costruzione timuride. Si dice che Timur stesso abbia partecipato alla sua costruzione e che esperti artigiani persiani siano stati impiegati per lavorare al progetto. Le sue innovative soluzioni, le volte, le cupole e le decorazioni erano prototipi che servirono da modello per altri importanti edifici del periodo timuride, in particolare a Samarcanda.
Considerato un eccezionale esempio, il mausoleo è costruito con mattoni cotti e contiene trentacinque stanze che ospitano una serie di funzioni sia come mausoleo che di moschea. Una cupola conico-sferica, la più grande dell’Asia centrale, si trova sopra la sala principale. Altre decorazioni degne di nota sono numerosi frammenti di pitture murali originali nella moschea, stalattiti di alabastro o muqarnas, piastrelle smaltate con motivi geometrici sia sulle pareti esterne che interne, belle iscrizioni in caratteri cufici sulle pareti e testi dal Corano. L’ingresso principale e parti dell’interno sono rimasti incompiuti, fornendo un’eccezionale testimonianza dei metodi di costruzione del periodo.

Otrar
L’immagine delle steppe dell’Asia centrale dei tempi antichi è associata ai nomadi che vivono su terre infinite, con innumerevoli mandrie di cavalli che pascolano sui pendii delle montagne, e yurte nel mezzo della steppa. Tuttavia, c’è un luogo nel sud del Kazakistan che non si adatta a questa immagine di vita nomade. Questa è l’Oasi di Otrar, situata nel corso inferiore del fiume Arys, dove sfocia nel Syr Darya. In questa regione le persone da tempo immemorabile sono abili agricoltori. Avevano sviluppato un sistema di irrigazione ramificato che ha cambiato per sempre il paesaggio di questa zona.
Il centro di quell’antica oasi era la città di Otrar. Da secoli, le carovane della Via della Seta, dalla Cina all’Europa, l’attraversavano. Con l’assedio di questa città, Gengis Khan iniziò la sua campagna militare in Asia centrale, e qui nel 1405 Tamerlano emise il suo ultimo respiro. Otrar ha dato i natali a grandi scienziati: il matematico e filosofo Al-Farabi, l’astronomo Abbas Zhukhori e il santo sufi dell’Asia centrale Arystan Bab.
Il periodo di massimo splendore della città avvenne tra il I e il XIII secolo; all’inizio del XIII secolo la sua popolazione ammontava a duecentomila persone e la città era in piena attività. Gli scienziati scrivevano i loro trattati, gli orafi creavano bellissimi gioielli, il bazar nel centro della città era pieno di un gran numero di tessuti, tappeti e altri prodotti portati da terre lontane o creati da artigiani locali. La zecca della città produceva monete d’oro e d’argento e si tenevano le lezioni nella scuola coranica o madrasa. Nel tempo libero, gli uomini incontravano gli amici e tutti in città mangiavano i frutti coltivati nei giardini dell’oasi.
Tuttavia, nel 1219 avvenne un evento che cambiò per sempre il destino della città. In quell’anno, una carovana inviata da Gengis Khan entrò a Otrar con i suoi ambasciatori che vennero uccisi e la carovana fu saccheggiata. Gengis Khan per ritorsione inviò migliaia di soldati ad assediare Otrar che non si arrese per sei mesi. Quando i mongoli riuscirono ad entrare in città uccisero tutti gli abitanti e la rasero al suolo. Decenni dopo, la gente iniziò a stabilirsi nuovamente e alla fine del XV secolo la città era stata ricostruita. Ma il suo periodo di massimo splendore era già stato lasciato alle spalle.
Senza dubbio, gli appassionati di storia saranno curiosi di visitare un luogo così importante per la civiltà asiatica. Solo pochi anni fa, nel luogo dell’insediamento di Otrar c’era solo un cumulo di rovine, oggi gli archeologi che lavorano nel programma UNESCO stanno riportando alla luce questo importante sito. Oggi, giunti a Otrar, si possono vedere i resti dei bagni pubblici e delle case residenziali, le colonne della moschea principale e le fondamenta delle mura del Palazzo Berdibek, dove morì Amir Timur, una parte del bastione principale e della cinta muraria, che conserva ancora le testimonianze dell’assedio della città da parte delle truppe di Gengis Khan.

Giovanni Cravero meglio conosciuto come Vanni, nato nel 1952 a Caselle di professione Agente di Commercio da sempre e da sempre con la grande passione di andare in giro ovunque sia possibile. Ho cominciato a muovermi all’età di 17 anni e senza soste questo mi ha portato a vedere ad oggi oltre 80 Paesi in tutti i 5 continenti, oltre 800 località e oltre 200 Siti Unesco, che come mi dice Trip Advisor rappresentano oltre il 60% della Terra.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.