Si è svolta lunedì 17 ottobre, a Fiumicino,  l’Assemblea Generale di ANCAI (Associazione Nazionale Comuni Aeroportuali Italiani). All’ordine del giorno il rinnovo delle cariche associative, a seguito della decadenza nel ruolo del Presidente Mauro Cerutti, già sindaco di Ferno (il comune lombardo che ospita parte dell’aeroporto di Malpensa). A sostituire Mauro Cerutti come Presidente ANCAI è stato scelto dall’Assemblea Alessandro Colletta, sindaco del Comune di Orio al Serio, e già precedentemente vice-presidente dell’associazione.

Diego Coriasco e Michelangelo Picat Re

In Consiglio sono pure entrati il sindaco di San Maurizio Canavese Michelangelo Picat Re e quello di San Francesco al Campo Diego Coriasco, che vediamo nella foto. Il sindaco di Caselle Torinese Giuseppe Marsaglia, causa altri impegni,  ha partecipato all’Assemblea tramite delega a Coriasco.

Oltre al rinnovo delle cariche sociali – ha spiegato Picat Re – si è fatto un punto sulla situazione relativa alla causa per il recupero a favore dei comuni aeroportuali dell’addizionale comunale sui diritti d’imbarco aeroportuali per il periodo 2005-2015. Una causa che vede i comuni aeroportuali opposti a Ministero dell’Interno e Ministero del’Economia, e che abbiamo appreso in Assemblea il TAR del Lazio discuterà in un’udienza fissata per gennaio 2023. Quell’addizionale quando era stata istituita, a seguito della legge 350 del 24/12/2003, doveva valere un euro per ogni passeggero imbarcato. Ora si parla di 6,5 euro per ogni biglietto aereo, ma la quota che arriva ai comuni aeroportuali è di 0,07 euro”.

Altra vicenda “all’italiana” è quella che riguarda l’IRESA, acronimo che sta per Imposta Regionale Emissioni Sonore Aeromobili. La legge che la istituisce risale al 2000: essa intendeva dare la possibilità alle Regioni di tassare le compagnie aeree in base al rumore prodotto da decollo e atterraggio dei velivoli. L’importo della tassa doveva essere commisurato al tonnellaggio dei mezzi e al livello di efficienza sonora. Le prime regioni che avevano colto quest’opportunità, nel 2011, sono le due che ospitano gli aeroporti a più elevato traffico aereo, e quindi con maggiore gettito della tassa: Lazio e Lombardia. Si sono poi aggiunte, negli anni successivi, altre regioni: Emilia-Romagna, Campania, Calabria e Marche. Per il Piemonte (e in particolare, Caselle, unico aeroporto potenzialmente interessato, dato che l’IRESA non coinvolge i piccoli aeroporti) la riscossione dell’IRESA, che sembrava dovesse partire nel 2017, è al momento ancora sospesa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.