19.4 C
Comune di Caselle Torinese
sabato, Luglio 13, 2024

    Bici e tabarro

    Cesare Zavattini è stato uno  dei più poliedrici artisti che il nostro ‘900 abbia prodotto. Scrittore, giornalista, commediografo, sceneggiatore, pittore, poeta è stato uno dei massimi protagonisti di quella straordinaria stagione cinematografica chiamata “neorealismo”.
    Cantore della “ bassa emiliana”, ha lasciato racconti che sono veri “ dipinti con le parole”. Come quello che segue, dedicato a bici e tabarro, che poi si fa poesia.

    I padani inventarono un capo d’abbigliamento leggendario, forse il più adatto al ciclista: il mantello padano, o meglio, tabarro. Veniva avvolto intorno al corpo e, una volta montati in bici, il suo lembo andava a coprire il manubrio. Così, un unico capo riusciva a proteggere in modo efficace corpo, mani e gambe del ciclista. Un’idea straordinaria.

    Riesco ancora a recuperare, fra le memorie dell’infanzia, l’immagine di alcuni di questi anziani ciclisti. Sebbene il luogo in cui sono cresciuto sia alla periferia estrema della pianura, dove questa comincia a snaturarsi e a inerpicarsi verso le Alpi, di ciclisti col mantello se ne vedevano parecchi: figure quasi oniriche, avvolte nel loro tabarro, con l’ampio cappello nero calato sulla testa, a cavallo di arcaiche e pesantissime biciclette anch’esse nere, per lo più cigolanti. Questi antichi pedalatori fendevano le solide nebbie procedendo ad una lentezza quasi inammissibile, che sembrava sfidare le più elementari leggi della fisica.

    I porta ancora al tabar da li me bandi

    I porta ancora al tabar

    da li me bandi.

    A ghè an vèc dal Ricovar Buris-Lodigiani

    c’al sgh’invoia dentr’in fin i oc

    cme s’al vrès dir

    a vöi pö vedr’ansön.

    I par usei

    la gent in bicicletta.

    Apena al pé

    al toca ancor la tera

    a turna in ment

    col c’i evum vrü smangà.

    Traduzione:
    Portano ancora il tabarro dalle mie parti

    Portano ancora il tabarro

    dalle mie parti.

    C’è un vecchio del Ricovero Buris-Lodigiani

    che vi s’involta dentro fino agli occhi

    come volesse dire

    non voglio più vedere nessuno.

    Sembrano uccelli

    la gente in bicicletta.

    Appena il piede

    tocca ancora la terra

    torna in mente

    quello che avevamo voluto scordare.

    Cesare Zavattini

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Luigi Bairo
    Luigi Bairo
    Autore, giornalista e musicista. Ha pubblicato libri dedicati alla “cultura della bicicletta”, resoconti di viaggio, testi di argomento pedagogico, di narrativa per ragazzi e di storia locale. Ha scritto di musica per il settimanale Il Risveglio ed è autore per la rivista Canavèis.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    18.4 ° C
    19.8 °
    16.8 °
    88 %
    4.1kmh
    75 %
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    30 °
    Mer
    30 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi