9.7 C
Comune di Caselle Torinese
giovedì, Aprile 18, 2024

    Pedalare in sicurezza

    “Vorrei ribadire il concetto che ogni automobilista che incontra un ciclista dovrebbe ringraziarlo. Perché grazie a lui l’automobilista incontra meno traffico, grazie a lui si inquina meno, grazie a lui le città sono più vivibili. In cambio dovrebbe sorpassarlo lasciando sempre 1,5 metri di distanza, non suonare a distesa il clacson, non stringerlo a lato.

    In Italia troppi ciclisti muoiono sulle strade e ci sono troppe automobili in città costruite (al tempo e per la maggior parte) per gli uomini a piedi o in carrozza.

    E, per favore, evitiamo stupidaggini del tipo, se rispettano il codice della strada, perché è la maggioranza degli automobilisti ad averlo dimenticato e la gran parte a non rispettarlo quasi mai.”

    Mario Tozzi

    ILLUMINAZIONE

    La tradizionale dinamo non inquinava ed era inesauribile, ma i suoi evidenti limiti ne hanno causato l’estinzione: provoca un considerevole aumento dello sforzo durante la pedalata per via dell’attrito esercitato contro la ruota e offriva una luce accettabile soltanto quando si pedalava ad una velocità sostenuta. Inoltre non consentiva di illuminare il veicolo quando si è fermi. Per questi motivi il suo utilizzo è stato soppiantato dai fari alimentati a pila. Ne esistono in commercio di tutti i tipi, anche supereconomici (e fragili) che possono essere montati anteriormente sul manubrio e posteriormente al cannotto reggisella.  Da qualche tempo esistono in commercio fari con luce alogena davvero potenti e in grado, oltre che di segnalare la presenza della bici, di illuminare la strada in modo efficace. È utile dotare la bici anche di un set di catarifrangenti, posizionabili sia davanti, sia dietro, sia lateralmente, fra i raggi delle ruote. La loro rotazione rende ben visibile la bicicletta per un automobilista che sopraggiunge lateralmente. È consigliabile, per i pedalatori della notte, indossare abiti catarifrangenti. Il giubbino d’emergenza è molto efficace, ma, come viene rilevato su alcuni blog, fa parecchio “sfigato”. In commercio si possono trovare fasce catarifrangenti da applicare intorno al braccio. La loro efficacia è notevole: quando vengono illuminate dai fari delle automobili, rendono visibile il ciclista a più di 150 metri.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Luigi Bairo
    Luigi Bairo
    Autore, giornalista e musicista. Ha pubblicato libri dedicati alla “cultura della bicicletta”, resoconti di viaggio, testi di argomento pedagogico, di narrativa per ragazzi e di storia locale. Ha scritto di musica per il settimanale Il Risveglio ed è autore per la rivista Canavèis.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    9.4 ° C
    12 °
    7.7 °
    57 %
    4.6kmh
    75 %
    Gio
    9 °
    Ven
    16 °
    Sab
    18 °
    Dom
    15 °
    Lun
    7 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Libera Chiesa, Libero Stato

    0
    I Patti Lateranensi sono gli accordi stipulati tra il Regno d’Italia e la Chiesa cattolica romana l’11 febbraio 1929 allo scopo di definire i...

    Il giovane Puccini