Confezionare, in maniera rigorosamente artigianale, mascherine in cotone lavabile, da distribuire a tutti i bambini, dai 6 ai 14 anni, che frequentano le scuole primarie e secondarie di Caselle.

Questa l’idea, nata ad aprile, nel sempre fertile mondo del volontariato casellese. Ne abbiamo parlato con la maestra Sonia Fava, fra le promotrici dell’iniziativa: “Volevamo fare qualcosa, per dare una mano nel momento dell’emergenza, e abbiamo pensato alle mascherine, così preziose ed introvabili in quelle settimane. Abbiamo contattato Piero e Paolo Alisio, titolari della ditta Benso di via alle Fabbriche; una ditta che normalmente produce tappeti e tessuti d’arredamento di alta gamma. Abbiamo chiesto loro se ci potevano dare una mano a studiare un tipo di mascherina producibile artigianalmente. Abbiamo avuto la loro disponibilità. Praticamente negli stessi giorni ci ha contattato Silvana Menicali, presidente della Pro Loco di Caselle, che era alla ricerca di qualche iniziativa per tenere attiva l’associazione, bloccata su tutti gli altri fronti di normale attività. La cosa è quindi partita così. Con i preziosi suggerimenti di Piero e Paolo Alisio, abbiamo ordinato tutti i materiali necessari, di cui una parte donati (i nastrini dalla Remmert, il filo di cucitura dalla stessa Benso). Alle mascherine è stato dato un tocco di colore e di patriottismo, dato che elastici e nastrini hanno i colori della bandiera italiana. Grazie alle amicizie di Paolo Alisio, abbiamo anche trovato un testimonial d’eccezione, il campione di golf Edoardo Molinari, che si è fatto fotografare con una delle prime mascherine prodotte. Nel frattempo, è nata una rete di cucitrici volontarie a domicilio, a cui consegnavamo i pezzi sciolti e dalle quali ritiravamo le mascherine cucite. Le abbiamo poi imbustate ed etichettate una per una, con l’indirizzo di recapito della famiglia di ciascun bambino”.

Gli scatoloni con le 1276 bustine così preparate sono stati poi portati nel salone della Pro Loco, dove i volontari le hanno suddivise per vie. Altri volontari, a piedi e in bici, a partire da sabato 30 maggio hanno avviato la distribuzione nelle buche delle lettere dei destinatari.

L’iniziativa non è finita qui. Dato che si sono avanzate un po’ di mascherine, i promotori dell’iniziativa hanno fatto sapere che, a settembre, le stesse verranno consegnate ai docenti e al personale ATA delle scuole di Caselle.

Una bella maniera per rendere più festoso e condiviso l’atteso momento della ripresa attività nelle nostre scuole.

 



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.