23.8 C
Comune di Caselle Torinese
venerdì, Luglio 19, 2024

    Stimoli digitali e come difendersi

    Parliamo di smartphone, di social network e notifiche.
    Parliamo di stimoli che condizionano i nostri comportamenti, un po’ come il suono del campanello innescava la salivazione nei famosi cani di Ivan Pavlov.

    Da un paio di anni a questa parte, si sta diffondendo in buona parte del mondo l’esigenza di praticare periodicamente il cosiddetto “Dopamine Detox”. Lo scopo reale non è di disintossicarsi dalla dopamina (che non è tossica, così come non lo sono gli altri neurotrasmettitori del nostro organismo), ma semmai prendere coscienza di tutti quei comportamenti che mettiamo in atto più o meno volontariamente, per generare una gratificazione istantanea e ottenere, appunto, una dose immediata di dopamina.
    Molti lettori probabilmente sorrideranno leggendo queste righe, pensando che il fenomeno della dipendenza da dispositivi connessi sia marginale o irrilevante, mentre nella realtà il fenomeno è in crescita e colpisce determinate fasce d’età in maniera più preoccupante di altre.
    Su TikTok, la nuova tendenza è postare video che documentano le fasi del proprio detox digitale. Gli aggiornamenti, raccolti tutti all’hashtag #DopamineDetox, contano oggi più di 73 milioni di visualizzazioni, in un viaggio attraverso i benefici che la dis-connessione è capace di portare. Niente TikTok e Instagram, niente Youtube o musica che non sia strumentale, con una sola ora al giorno da spendere davanti a uno schermo, il tutto in un breve periodo di tempo. L’obiettivo di questa “terapia d’urto” è quello di ripristinare i livelli di dopamina, resettare la mente, prendersi una pausa dagli stimoli e aumentare così i livelli di concentrazione, rendimento e coscienza di ciò che realmente promuove il benessere personale.

    Sebbene sia evidente la contraddizione di praticare la disconnessione dai social media, riprendendosi mentre lo si fa e postandone gli esiti sulle stesse piattaforme da cui si tenta di “disintossicarsi”, il segnale della prese di coscienza del problema è evidente e condiviso a livello globale.
    Uno studio recente, ci aiuta a comprendere quali siano i segnali per comprendere se noi, o chi ci sta intorno, abbia bisogno di un periodo di disconnessione tecnologica. La prima cosa da fare è monitorare i comportamenti. Notare gli impulsi e valutare ciò che che ogni giorno ci allontana dalle cose che dobbiamo realmente fare.
    Quando sentiamo il suono o la vibrazione di una notifica, sentiamo l’urgenza di sbloccare lo smartphone per controllare di cosa si tratta? Quanto fatichiamo poi a tornare a concentrarci su quanto stavamo facendo prima?
    Qualche consiglio pratico: una tecnica basata sul “controllo dello stimolo ”. 1) Allontanare lo  stimolo (come il telefono) o rendere più difficile l’accesso; 2) Impegnarsi in un’attività alternativa incompatibile con lo stimolo (ad esempio fare sport o altre attività che richiedono totale concentrazione); 3) Utilizzare un software per il monitoraggio del tempo di utilizzo delle app.

    I social network, le app, il nuovo modo di interagire online a livello sociale, sono concepiti e progettati a tavolino per rispettare un preciso schema comportamentale: Stimolo, Azione, Ricompensa e Investimento.
    E se gli adulti, nati in epoca de-digitalizzata, riescono a tenere (relativamente) sotto controllo l’abuso di smartphone, per i più giovani i rischi sono giganteschi. L’82% dei giovani italiani è a rischio dipendenza da smartphone. È uno dei dati che emergono dal progetto “Smartphone addiction: vissuto dei giovani e strumenti di contrasto” del 2021, realizzato dall’Eures in collaborazione con la Regione Lazio e il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

    La proposta. Nella scuola primaria e secondaria di primo grado da sempre si promuove l’attività di sensibilizzazione sull’alimentazione sana ed equilibrata. Allo stesso modo, sarebbe importante portare all’attenzione di bambini, adolescenti e genitori, l’importanza di assumere atteggiamenti sani ed equilibrati nell’utilizzo di strumenti connessi. Non proibizione o demonizzazione, ma presa di coscienza, conoscenza, equilibrio e sviluppo della capacità di intercettare segnali negativi che possano far scattare i campanelli d’allarme.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    cielo sereno
    23.2 ° C
    24.8 °
    21.8 °
    84 %
    2.1kmh
    0 %
    Ven
    31 °
    Sab
    30 °
    Dom
    22 °
    Lun
    29 °
    Mar
    26 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Tempo Libro chiude oppure rinasce?

    0
    Da qualche giorno la notizia della chiusura della libreria “Tempo Libro” rimbalza sui social e la costernazione di chi condivide tale notizia è palpabile....