17.9 C
Comune di Caselle Torinese
venerdì, Giugno 14, 2024

    Duomo di Torino: ultimazione lavori

    In Piemonte le influenze dell’architettura rinascimentale, molto viva nell’Italia centrale, si manifestarono solo sul finire del Quattrocento con la ricostruzione del Duomo di Torino (1491-1498) per volere del cardinale Domenico della Rovere e su progetto di Amedeo di Francesco da Settignano. Il Duomo, unico edificio rinascimentale e importante elemento identificativo della torinesità, venne messo a repentaglio dall’incendio che divampò nella notte dell’11 aprile 1997 e che devastò la cappella della Sindone.
    Dopo 27 anni di complicati lavori di messa in sicurezza, consolidamento, ripristino e restauro, il cantiere presso la Fabbrica del Duomo può ora considerarsi ultimato. Lo scorso venerdì 16 febbraio presso la Sala degli Svizzeri di Palazzo Chiablese, in piazza san Giovanni a Torino, sono stati presentati i restauri che hanno completato gli interventi dopo l’incendio.
    Le opere, progettate e dirette dagli architetti Maurizio e Chiara Momo iniziate nel marzo 2023, sono state eseguite con finanziamenti ministeriali, hanno coinvolto l’area sotto la cappella della Sindone ed in particolare una parte del coro, la galleria retrostante e la nuova sacrestia o “scurolo”.
    Questi spazi – che sono stati occupati dal cantiere realizzato per fondare la grande struttura di puntellamento della chiesa, rimossa in più fasi fino al 2018 – sono molto importanti perché costituiscono la “cerniera” tra l’inserimento seicentesco della cappella della Sindone e la preesistenza rinascimentale.
    Gli interventi hanno comportato la realizzazione di fori nelle volte della galleria del coro e dello scurolo e la rimozione parziale di porzioni di pavimento in pietra nei due ambienti, per formare grandi pozzi di fondazione in cemento armato; contestualmente, per permettere dei puntellamenti, è stato staccato il semicatino in plafond (struttura lignea intonacata e tela) dipinto da Domenico Guidobono e le grandi armadiature addossate allo scurolo. Gli interventi, apparentemente “demolitori”, ma fondamentali per la “messa in sicurezza” dell’area, hanno portato alla luce elementi architettonici e decorativi, finora sconosciuti, fondamentali per la lettura della storia costruttiva del Duomo.
    Dalla rimozione degli armadi appoggiati al muro dello scurolo sono emerse due edicole rinascimentali, entrambe con tabernacolo, dedicate rispettivamente a S. secondo e al SS. Sacramento, poste in origine ai lati dell’altare maggiore: sono dipinte con candelabre e motivi tipicamente rinascimentali presenti anche in facciata. Esse costituiscono oggi una delle poche testimonianze degli apparti decorativi del Duomo quattrocentesco.
    Gli scavi eseguiti, oltre che per i pozzi di fondazione, per realizzare un nuovo impianto elettrico e di illuminazione, hanno portato in luce lacerti del pavimento rinascimentale in cotto e i basamenti delle doppie lesene, ben conservati, che incorniciavano in origine l’altare maggiore -sotto il quale vi sono sepolture- dedicato a San Giovanni e demolito per la costruzione della cappella della Sindone. Nel fondale del coro, nella lunetta dell’arcata centrale della galleria è stato riposizionato lo scenografico semicatino absidale, ora supportato da telaio in ferro, “Coro di angeli”, dipinto da Domenico Guidobono nel 1709.
    È documentata la presenza di Guidobono (Savona 1668-Napoli 1746) nel 1705 a Torino, con il più famoso fratello Bartolomeo, per realizzare le decorazioni della camera da letto di Madama Reale: la sua mano, caratterizzata da un tratto grazioso e leggero, tipica del Rococò, è riscontrabile anche altri ambienti di palazzo Reale e di palazzo Saluzzo Paesana. Il dipinto, eseguito in parte ad incausto (sono state rilevate tracce di cera), del Duomo è un tripudio di paffuti angeli in posizioni assai plastiche, riporta con dovizia di particolari gli strumenti musicali e i partiti dell’epoca. Il cantiere della fabbrica di un Duomo non potrà mai considerarsi concluso, perché la ricerca e lo studio devono proseguire e il completamento di questi ultimi interventi hanno restituito un pezzo della nostra storia.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    16.2 ° C
    17.6 °
    14.2 °
    82 %
    2.6kmh
    40 %
    Ven
    21 °
    Sab
    21 °
    Dom
    23 °
    Lun
    25 °
    Mar
    25 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Voglia di vendetta

    0
    Avete presente che emozioni forti si provano quando si subisce un torto? Sicuramente sì. Si può reagire provando una grande rabbia e si potrebbe...

    Vittoria !