Straordinaria l’affluenza per “Forza Venite Gente” a frazione Ceretta. Il musical sulla vita di San Francesco organizzato sabato 21 ottobre dall’Associazione politico-culturale San Maurizio Domani ha attirato nel Salone Parrocchiale della Chiesa oltre 200 avventori fra ragazzi, adulti e bambini, ferventi e curiosi di assistere alla messa in scena di uno dei cavalli di battaglia de “La Compagnia della Torre” di Mathi. 

L’introduzione della serata è stata curata da Sara Duranda, Presidente dell’Associazione, e da Carlo Cellini, giovane sostenitore e membro dell’Associazione medesima, i quali hanno precisato gli obiettivi che il gruppo si prefigge: avvicinamento dei giovani alla vita politica sanmauriziese (anche passando attraverso un corso di formazione amministrativa organizzato da San Maurizio Domani per spiegare nel dettaglio la storia del paese e i meccanismi della macchina amministrativa) e volontà di rendere San Maurizio un paese vivo e vivibile.
A prendere la parola subito dopo è stato il prete della SS. Nome di Maria, don Domenico, che ha esortato i più piccoli a prestare attenzione allo spettacolo, “che poi non è uno spettacolo, ma la vita di un santo” – ha voluto precisare per strappare un sorriso ai presenti. Una breve introduzione a cura del direttore della Compagnia e poi via, luci abbassate, inizia lo spettacolo.

A interpretare il personaggio del Santo di Assisi è stato Simone Giulietti, membro della Compagnia della Torre, esponente di San Maurizio Domani nonché direttore del coro nella Parrocchia di San Maurizio. Pochi i personaggi già collaudati e molti i nuovi esordi: eppure tutto ha funzionato in maniera magistrale.

Il pubblico è rimasto concentrato e silenziosissimo durante tutta l’esibizione (della durata complessiva di 2h30), applaudendo animatamente alla fine di ogni sequenza. Grande l’ammirazione suscitata dai personaggi principali: Bernardone, padre austero, avido e materialista, legato venalmente alle stoffe che commercia; la Cenciosa, la “matta di Assisi” che vaga per la città con il suo abito di stracci e qualche tozzo di pane raffermo nascosto nelle tasche, acuta e intuitiva ma bistrattata da Bernardone per la sua povertà e per la sua “mattìa” e infine San Francesco, figlio di Bernardone, che abbandona la vita agiata e l’amore per Chiara con lo scopo di votarsi a Dio, occuparsi dei poveri e portare la pace lungo il suo cammino.
Attorno a loro, una cornice di attori, ballerini e figuranti che hanno interpretato il Sole, la Luna, la Morte, l’Angelo, la Povertà, il Lupo, il Diavolo, gli uccelli, gli alberi, i Crociati, i Francescani e le Clarisse, le suore del movimento fondato da Chiara, promessa sposa di Francesco, una volta appresa la notizia della sua dedizione totale a Dio.

Sul palco, allestito per l’occasione dai tecnici della Compagnia della Torre, i personaggi si sono avvicendanti fra acrobazie, coreografie, assoli canori e duetti, riempiendo la scena con totale padronanza.

Nel corso del primo tempo e alla fine della serata sono state raccolte le offerte del pubblico. Il ricavato della raccolta, al netto delle spese di organizzazione e affitto dei locali, verrà devoluto – come già annunciato – al Fondo di solidarietà destinato alle famiglie meno abbienti.

La serata si è conclusa nell’entusiasmo generale con la presentazione di tutti gli attori e con il discorso emozionato di Simone Giulietti, che ha ringraziato la Compagnia della Torre per la disponibilità e la platea per il caloroso supporto con il quale ha accolto e partecipato alla rappresentazione.

Per info sui prossimi eventi consultare la pagina Facebook “San Maurizio Domani” o inviare una mail a [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here