Nel corso della sua storia la bicicletta non è stata solo un mezzo di trasporto e uno strumento sportivo, ma ha catalizzato l’interesse di poeti, filosofi e mistici. Ecco due poesie che cantano la dueruote nei suoi aspetti più spirituali, quasi uno strumento di meditazione e di consapevolezza.
La prima è un canto dei Baul, i “Folli di Dio”, cantori mistici itineranti, le cui origini si perdono nel Medioevo indiano. Pur dichiarandosi induisti, i Baul non riconoscono il sistema delle caste, professano la parità di tutte le fedi religiose, sostenendo che la divinità è racchiusa nel cuore di ogni uomo. Sono stati riscoperti dal poeta indiano Rabindranath Tagore, che ha riconosciuto nei loro testi uno dei vertici letterari della civiltà e della spiritualità indiana. I Baul si spostano di solito in bicicletta, utilizzano strumenti musicali costruiti da loro stessi ed eseguono brani in cui l’improvvisazione riveste un ruolo determinante.

La seconda è una poesia di Gianni Milano, poeta e pedagogista torinese nato nel 1938, che è stato uno dei fondatori e dei principali esponenti del movimento beat in Italia. Come insegnante elementare, Gianni Milano ha realizzato importanti e innovative esperienze didattiche nel Ciriacese, basate anche sull’utilizzo quotidiano a scuola della bicicletta.

Canto della confraternita mistica bengalese dei Baul

…Muoviti in avanti
Mettendo un piede sul pedale
Tutti i rituali svaniranno
Tieni la visione davanti a te
Tieni fermo il manubrio.
Stai ben seduta sul sellino, o mente
Mantieni l’equilibrio
Inspira, trattieni il respiro
Senza guardare né a destra né a sinistra
Pedala recitando il tuo mantra.
Cerca delle buone strade
Lasciati alle spalle tutti i pensieri inutili.
Per diventare un Maestro
Devi fare un giro in bicicletta!

Sali leggero sulla sella, Sali,
e svuota la tua anima d’oggetti,
che trascinano al basso, al radicare.

Rimani come foglia che sospinta
sia dal vento amico e senza peso,
nell’universo amico che t’avvolge.

Sali leggero sulla sella, Sali,
e pedala con metodo costante,
quasi sgranando rosari in devozione.

La ruota emette un suono ch’è preghiera,
e benedice ad ogni giro il tempo
dell’acquisito vuoto di pensiero.

Meditazione è il volgere del viaggio
senza traguardi e senza mete alcune,
accolto da invisibili segnali.

Gira la ruota gira e batte il cuore,
in sintonia con quel che vive e muore,
Sali leggero sulla sella, Sali,

e pellegrino ascolta il tuo fiatare,
ch’è insieme della terra e anche del mare.
La bicicletta non ti sa tradire,

ma sodale al patire dei tuoi giorni
non aggredisce, non distrugge o inquina:
t’offre la libertà come in vetrina.

Su questo geroglifico ambulante
gioca le carte e parti in un istante:
sii mistero nel vortice dei giorni,

muovi le gambe a ritmo e in armonia,
senza rancori né grettezze amare.
Prendi la bicicletta e così sia!

Gianni Milano

Autore, giornalista e musicista. Ha pubblicato libri dedicati alla “cultura della bicicletta”, resoconti di viaggio, testi di argomento pedagogico, di narrativa per ragazzi e di storia locale. Ha scritto di musica per il settimanale Il Risveglio ed è autore per la rivista Canavèis.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.