Caselle, tutto sommato, è una cittadina a misura d’uomo dove la vita quotidiana scorre lenta e piacevole. Forse un po’ troppo lenta, ma non lamentiamoci sempre, perché la sua tranquillità permette di girovagare per il paese e cogliere molte delle sue opere essenziali per la vita dei cittadini, come ad esempio i servizi igienici nella piazza del mercato, futura opera stupenda, sicuramente funzionale e necessaria per la gioia dei cittadini più anziani, che per necessità personali saranno costretti ad utilizzarlo maggiormente rispetto ad un giovane. Sicuramente visti i tempi di esecuzione l’opera non potrà che essere faraonica.

Facendo qualche passo notiamo la vecchia stazione, dove con sorpresa vediamo che alcune gelosie sono aperte, forse un’indizio dei lavori futuri come promesso nel programma elettorale.
Immaginiamo che queste gelosie siano state aperte per far cambiare l’aria, in modo che le pareti non possano rovinarsi a causa dell’umidità trasmessa dal tetto. O forse è iniziato un naturale smantellamento automatico della stessa, vista l’inclinazione dei battenti. Non si può non fare un giro nel centro storico, dove respiriamo l’aria della sua secolare storia.
Notiamo le bellissime e stupende fioriere in stile variopinto, che danno un tocco innovativo e anticonformista, uno stile contemporaneo, anche se, a chi non si occupa di arte, potrebbe pensare al recupero di uno stock a campionario di un fine serie a magazzino.
La presenza di queste fioriere e delle magnifiche piante ornamentali ci permettiamo di suggerire che potrebbero essere utilizzate per esperimenti didattici, con il coinvolgimento dei bambini, insegnando loro a piantare pomodori, peperoni nonché ottime insalate. Si assumerebbe quindi un aspetto didattico dell’utilizzo, contando anche che il commercio ne gioverebbe perché probabilmente i bimbi, vista l’esperienza, potrebbero suggerire ai loro genitori di acquistare prodotti locali a KM0.

Altro suggerimento verso i bimbi, questa volta però rivolti ai loro genitori e alla loro sensibilità, è quello di evitare di portare i loro figli a scuola in auto, ma di permettergli una piacevole passeggiata di circa 300-400 m a piedi, aderendo all’iniziativa Pedibus, orgogliosamente voluta e finalmente presa in considerazione dalla maggioranza. Questo oltre ad essere salutare per i bimbi, permetterebbe alle loro mamme o papà di non ostacolare con le loro vetture i parcheggi per disabili, la pista ciclabile, o il senso di marcia di altre vetture causa la sosta in doppia fila. Quindi con pochi e semplici gesti, già di primo mattino, la giornata inizierebbe allegra e priva di discussioni, con bambini attivi e più sani.
In fondo, camminare è uno sport e ogni mamma o papa sa quanto sia importante il movimento per la salute del bambino.

Quale è la morale di questo articolo? La morale è che, per rendere vivibile una cittadina come la nostra, servono piccoli investimenti, prestare attenzione alla manutenzione di quanto già essa dispone, serve sensibilizzare il cittadino rendendolo partecipe e attivo.
Molti abitanti hanno scelto di vivere a Caselle per il suo verde, per la sua tranquillità, per il suo aspetto di piccola comunità.
I grandi investimenti non servono alla nostra Città, siamo pieni di centri commerciali fotocopia, che alimentano solo lo sfruttamento del lavoro con turni massacranti e non retribuiti, uccidendo oltremodo il debole commercio locale. Serve attenzione e rispetto reciproco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.