Con l’inizio del 2018, il vicecommissario di Polizia Locale Roberto Mattiello è ritornato alle dirette dipendenze del Comune di Caselle dopo ben 17 anni di distacco presso l’ormai ex frazione di Mappano. Com’è noto, la prima Amministrazione comunale mappanese ha ritenuto di non volersi più avvalere dei suoi servizi, facendo scelte radicalmente diverse che stanno suscitando alcune polemiche.

Cose Nostre ha incontrato Mattiello per sottoporgli due brevi domande.

Vicecommissario, bentornato a Caselle! Com’è stato il rientro “alla base” dopo tanti anni? Quali sono i suoi compiti specifici al momento?

“Il rientro a Caselle è stato ottimo, non potevo chiedere di meglio. Direi che l’impatto è stato più che positivo: d’altronde è una realtà che conosco, anche perché come riferimento ho quelli che sono sempre stati i miei “datori di lavoro ufficiali”, ossia degli amministratori molto competenti. Tutti quelli che si sono succeduti nei miei anni di servizio ritengo che siano molto competenti, pur magari nelle loro ovvie diversità, e tutto questo è un bene per Caselle e per i suoi residenti. Senza un’Amministrazione valida e preparata, la vita di un Comune, al giorno d’oggi, può essere davvero difficile. Al momento, insieme all’assessore Gremo ed al mio comandante Teppa, stiamo cercando di organizzare il servizio di Polizia Amministrativa: sarà una “sfida” interessante ed appagante.”

17 anni di servizio a Mappano… Cosa le rimane? Ha dei rimpianti?

“17 anni sono davvero tanti… Nella realtà mappanese ci sono cresciuto professionalmente. Ho il rimpianto di aver dovuto lasciare la popolazione ed il territorio mappanese: ormai conoscevo tutti e mi sentivo parte di questa comunità. All’inizio eravamo due o tre (per un periodo anche quattro), insieme ai colleghi di Borgaro, poi negli ultimi anni ero, purtroppo, quasi sempre da solo, ma ciò non mi ha di certo spaventato, anzi mi ha “obbligato” ad imparare a fare un po’ di tutto nell’ambito della mia professione: Mappano è una realtà di cui mi sentivo parte e che poterò sempre con me.”

Il punto di vista di Paolo Gremo, vicesindaco ed assessore al Personale:

“Al netto di ciò che è successo con Mappano, ma rimarcando però tutto il lavoro fatto dal vicecommissario Mattiello lì, il suo rientro in un momento di grande difficoltà per il nostro Comune, per la carenza cronica di personale, per me è un’ottima notizia. Oltretutto, non si va a rinforzare il nostro servizio di Polizia Locale con una persona qualunque, ma con un uomo di qualificata e comprovata esperienza.

Grazie alla sua presenza, insieme al nostro comandante Teppa, pensiamo si possa creare il servizio di Polizia Amministrativa, importantissimo per ogni Comune: si sta parlando della verifica dei locali a somministrazione, dell’informazione sulle nuove normative sul commercio, del controllo delle sale gioco, di presidiare il territorio ed informare al tempo stesso.

Caselle ha due mercati settimanali, due fiere tradizionali, numerose iniziative pubbliche durante l’anno: ci andava proprio un uomo di comprovata esperienza e professionalità che potesse supportare il nostro Comando di Polizia Locale. Non posso che dargli il benvenuto (o meglio il bentornato) mio e di tutta l’Amministrazione ed augurargli buon lavoro”.

Una breve dichiarazione del sindaco Luca Baracco:

“Saluto con soddisfazione il rientro del vicecommissario Mattiello sul nostro territorio. Stiamo parlando di un uomo di elevata esperienza e professionalità e non possiamo che rallegrarci di averlo a nostra disposizione. Rimane però il rammarico che le sue competenze non siano state riconosciute ed apprezzate dall’Amministrazione mappanese. Noi viceversa, siamo ben contenti di poterlo avere nuovamente alle nostre dirette dipendenze e non possiamo che augurargli buon lavoro”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here