E’ andato a buon fine il bando del Comune di Caselle per l’affidamento del servizio di controllo del randagismo felino.
Come specificato nel testo, il compito del controllo di tale fenomeno è di competenza dell’Amministrazione comunale, in accordo con il Servizio Veterinario dell’ASL. Si specifica ulteriormente che “è indispensabile per l’individuazione ed il controllo delle colonie di gatti randagi per problemi igienico sanitari o riguardanti il benessere animale di affidare il servizio di controllo ad una associazione animalista da individuare tramite le procedure di legge”.
Oggetto del bando era quello di affidare per 3 anni tale servizio di controllo ad un soggetto che abbia come requisito quello di essere un’associazione animalista con statuto registrato presso l’Agenzia delle Entrate.
L’affidamento è stato effettuato con il criterio dell’offerta al minor prezzo sull’importo a base d’asta di 1.500 euro all’anno. L’offerta doveva pervenire in Comune entro il 9 luglio, mentre la valutazione delle offerte pervenute andava effettuata entro il 20 luglio.
Una sola associazione ha partecipato al bando e la sua offerta è stata ritenuta congrua dalla commissione aggiudicatrice. Stiamo parlando della EIPA Onlus di Caselle. Al termine dell’iter burocratico necessario, l’associazione comincerà ad operare.

Mentre per quanto riguarda il randagismo canino, è stata pubblicata una determina che affida l’incarico del “servizio di cattura e custodia cani randagi rinvenuti sul territorio comunale”, per il periodo dal 1° luglio al 31 dicembre 2018, alla ditta “Oasi per Amico” di Settimo Torinese.

La Legge Regionale n.34 del 1993 prevede da parte dei Comuni l’istituzione ed il mantenimento in esercizio di un servizio pubblico di cattura degli animali da affezione abbandonati, la custodia e l’osservazione sanitaria dei medesimi in apposite strutture di ricovero.
Il Comune non dispone dei mezzi e non è dotato delle strutture in grado di garantire la gestione autonoma di tale servizio e pertanto occorre affidare tale incarico a terzi che dispongono dei requisiti richiesti.
“Oasi per Amico” dispone della struttura adatta (sita in via Moglia a Settimo Torinese), ed ha già operato per il Comune con esiti molto positivi.
Il 7 giugno scorso la ditta sopracitata ha fatto pervenire un’offerta ritenuta congrua e si è pertanto deciso di affidarle il servizio in questione tramite la sottoscrizione di una convenzione. L’importo stabilito per la gestione del servizio nel periodo in questione è di 5 mila euro, IVA compresa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here